Prima Pagina | Territori | Settimana Ferragostana Castiglione all’insegna del sociale e solidarieta’

Settimana Ferragostana Castiglione all’insegna del sociale e solidarieta’

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Settimana Ferragostana Castiglione all’insegna del sociale e solidarieta’

E’ un ferragosto un po’ particolare questo nella nostra provincia in cui sembra, o appare leggendo le cronache dei giornali, che gli interessi delle persone, piu’ che alle vacanze, per chi le fa’, od il relax festivo, siano assorbiti da preoccupazioni sui problemi della sicurezza sociale della delinquenza, della spazzatura selvaggia, del decoro od altro.

 

E’ una settimana di temperature elevate e non so’ se questo influisce ad arrostire  gli animi, soprattutto a leggere le cronache locali, per le genti di Arezzo, ma di sicuro a Castiglioni e’ una settimana in cui le parole principali per riunire le persone sono :

SOCIALIZZANIONE e SOLIDARIETA’

Concetti che non  stimolano un grande interesse sugli organi di informazioni, dove la cronaca nera ha piu’ efficacia e rilevanza al pari di cervellotici dibattiti politici ,  ma che hanno un seguito rilevante di  partecipazione tra la gente comune delle comunita’.

SOCIALIZZARE e’ stare insieme, ritrovarsi, conoscersi, dialogare, in momenti conviviali o di festa,  ed anche  un modo per uscire  da uscire da una vita in cui la societa’ ti spinge sempre piu’ verso un individualismo che sconfina in una solitudine di rapporti umani.

SOLIDARIZZARE  e’  sentirsi partecipe, moralmente o con azioni ed opere, con chi ha bisogno,  e mi sembra che su questo vocabolo tutte le genti dell’aretino non si siano tirate ultimamente indietro.

La comunita’ castiglionese ha dato, e dara’, in questa settimana ampio e degno esempio con gli avvenimenti che riporto in ordine di data :

Il 14 Agosto, vigilia dell’Assunta,

LA COMUNITA’  DELLA  PIEVE DI CHIO,

retta dal dotto ed autorevole Pievano Don Alessandro Bivignani, 

ha organizzato una cena finalizzata alla raccolta fondi per le attivita’ pastorali e sociali, e soprattutto un pellegrinaggio notturno, che allo scoccare dei rintocchi della mezzanotte della settecentesca campana della Pieve di Maria Assunta, ha visto partire, benedetti dal sacerdote valligiano Don Giovanni Manganelli che nell’occasione festeggiava i 50 anni di sacerdozio tra le sue genti, una lunga fila di pellegrini verso il Santuario di Camoscio dedicato alla Madonna del Transito; impegno fisico non trascurabile sia per giovani ed anziani che hanno partecipato.

15 Agosto

IL CENTRO SOCIALE DI AGGREGAZIONI ANZIANI

Ha organizzato, nella splendida cornice trecentesca del Chiostro del Convento di San Francesco, di proprieta’ dell’Ente Serristori, una cena sociale finalizzata al finanziamento delle attivata’ sociali principalmente  rivolte alle persone anziane della nostra comunita che ha visto una grande presenza di soci ed amici che ben hanno apprezzato e gustato soprattutto i due piatti che hanno caratterizzato il menu’ e cioe’:
I Crostini Neri alla Monaca
Le Penne al Ragu’ del Certosino

Che ben si adattavano alle architetture dello scenografico chiostro francescano.

18 Agosto . Venerdi’

SAGRA DEL CINEMA

 Organizzata dal’Amministrazione Comunale ed assessorato alla Cultura

Serata’ di solidarieta’ con il supporto della Pro Loco finalizzata a sostenere l’iniziativa “Back to Campi”.  Progetto che ha l’obiettivo di costruire a Campi, frazione del Comune di Norcia, su di un terreno appena acquistato dalla Pro Loco di Campi un centro polifunzionale per il turismo e lo sport. Un centro con area campeggio, bungalow in legno, area servizio camper e un palazzetto dello sport completamente antisismico.

La serata prevede la proiezione, ad ingresso libero,  del  mitico Film “L’ARMATA BRANCALEONE” , poderoso cavaliere Gassmiano di Norcia

e la degustazione di un piatto tipico norcino co il cui ricavato si contribuisce al progetto.

19 Agosto Sabato

CENA MISSIONARIA

Organizzata dai Frati Cappuccini delle Celle presso la romanica Pieve di Retina

per il finanziamento di azioni missionarie in Africa e che come sempre nel menu’ saranno presenti :

I SEDANINI  al SUGO D’OCIO, piatto che fa’ parte della mitologia delle trebbiature chianine

COSCIA DI MAIALE con crema di  PORCINI, arrostito nel monumentale forno a legno del convento

Ed una miriade di DOLCI FATTI IN CASA  dalle massaie della Parrocchia dei Cappuccini

Io come e’ in uso di questi eventi non ne perdo nessuno, sia per la gioia del palato, ma soprattutto per rinfrescarmi l’animo e la mente in questi giorni di calura ed anche il fisico.

E cosi’ hanno fatto e faranno tanti miei concittadini.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0