Prima Pagina | L'opinione | RIPRENDIAMOCI CAMPO DI MARTE! QUESTO L’INVITO

RIPRENDIAMOCI CAMPO DI MARTE! QUESTO L’INVITO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
RIPRENDIAMOCI CAMPO DI MARTE!  QUESTO L’INVITO

INIZIATIVA TRA CONCITTADINI PER DOMENICA, DALLE 17. CONTRO IL DEGRADO ARETINI E IMMIGRATI REGOLARI INSIEME

Non sarà un sit in. Non in senso stretto. Ma sarà spontaneo. Non è stato ideato come reazione ma come animazione e trattandosi di Campo di Marte come rianimazione di un luogo di Arezzo, immerso nel verde, anche se perimetrato da un lato dalle infrastrutture ferroviarie e dall’altro stradali.

Da giorni è veicolata sobriamente per mezzo di miriadi di manifestini affissi in più punti del centro e delle periferie ma anche mediaticamente sullo strumento più social esistente, ossia Facebook, l’iniziativa annunciata da un gruppo di concittadini. Un insieme nato spontaneamente, con l’intenzione di invogliare altri residenti, sia aretini sia immigrati regolari, a riappropriarsi di questo angolo di città, da tempo teatro di cronache cittadine non esaltanti. Per non dire peggio.

Domenica, dalle 17 e per almeno le 5 ore successive, l’iniziativa denominata semplicemente “Riprendiamoci Campo di Marte” vuol segnare – questo ciò che ha ispirato gli organizzatori - l’inversione della brutta china che ha segnato quest’area in cui giardini, alberi e arredi di panchine devono tornare  ad essere un luogo di socialità. Fruibile. E cornice di legalità.

Come? Con una animazione di presenze. Nessun politico invitato, ma “se verranno saranno concittadini ben accolti in mezzo ad altri residenti” e “neanche  un mezzo proposito di dare vita a una qualche petizione”. Le presenze di quanti stanno aderendo all’iniziativa, ed aderiranno, condividendo  la pagina social media creata appositamente,  con il titolo “Saione, riprendiamoci Campo di Marte”, offrirà il significato a questo “presidio”. Dimostrare – è scritto nella pagina facebook – attraverso la nostra appartenenza ad Arezzo che un futuro, migliore e sicuro, è possibile. 

Una cosa è certa – anticipano gli organizzatori, non rappresentati da alcuna etichetta o sigla ma unicamente con la denominazione dell’account di posta elettronica,  [email protected] – l’area di Campo di Marte sarà accuratamente ripulita da ogni segno di degrado (siringhe comprese) in vista del pomeriggio che i concittadini trascorreranno insieme in Campo di Marte. A tal fine sono stati intrapresi contatti con Prefettura, Questura e Comune.

“Non avrà importanza la consistenza numerica delle presenze, comunque già previste sui duecento aderenti, stanti le attuali condivisioni ottenute dall’evento pubblicizzato sul social media, ma l’importante sarà dare un segno”, dicono gli organizzatori, come augurio che le presenze effettive siano almeno il doppio delle partecipazioni annunciate su facebook.

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0