Prima Pagina | Cronaca | Poppi: arrestato per rapina, sequestro di persona e lesioni gravi

Poppi: arrestato per rapina, sequestro di persona e lesioni gravi

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Poppi: arrestato per rapina, sequestro di persona e lesioni gravi

I carabinieri della compagnia di Bibbiena, unitamente a quelli della stazione di Poppi hanno arrestato c.p. 47/enne originario della provincia di Perugia, ma domiciliato in casentino, per i reati di rapina, sequestro di persona e lesioni gravi.

 

I fatti sono risalenti al 13 giugno scorso, quando l’uomo si era incontrato con una 49enne del luogo, con il quale intratteneva una relazione sentimentale,

Saliti sulla macchina della donna, raggiungevano una località isolata. A questo punto, per motivi di gelosia l’uomo iniziava ad offendere pesantemente la compagna, pretendendo di poter controllare il suo telefono cellulare. Ne nasceva una violenta lite al culmine della quale l’uomo riusciva, con la forza, ad impossessarsi della borsa e del telefono della donna. Non appagato, pur avendo ottenuto quello che pretendeva, scaraventava fuori dall’abitacolo la 49enne picchiandola con violenti calci, pugni e schiaffi, abbandonandola sul ciglio della strada e rubandole l’autovettura. La donna, nonostante le percosse subite, tentava di allontanarsi dal luogo per raggiungere il primo centro abitato, ma veniva nuovamente raggiunta dal compagno, obbligata a risalire in auto, picchiata nuovamente e trattenuta, contro la sua volontà, all’interno dell’abitacolo e costretta a subire nuovamente le violenze dell’uomo.

Solo approfittando di un momento di distrazione, la donna trovava la prontezza e la forza per fuggire, raggiungendo un’abitazione per chiamare i soccorsi. Trasportata nell’immediatezza presso l’ospedale di Bibbiena veniva medicata con diagnosi di 15gg. per “trauma cranico commotivo e contusioni multiple”, salvo farsi poi successivamente rivisitare per dei forti dolori al costato, facendo emergere anche la frattura di due costole, con ulteriore prognosi di 21gg sempre determinata dalla violenza dell’uomo.

L’uomo al termine delle formalità di rito è stato associato  presso il carcere di Arezzo a disposizione della magistratura.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0