Prima Pagina | Politica società diritti | La politica ha dimenticato le frazioni aretine

La politica ha dimenticato le frazioni aretine

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
La politica ha dimenticato le frazioni aretine

I Popolari per Arezzo lamentano una scarsa attenzione a problemi e esigenze delle frazioni. Nel programma triennale delle opere pubbliche sono previsti pochi e limitati interventi

 

AREZZO – Le frazioni aretine continuano ad essere poco considerate da parte dell'amministrazione comunale. I Popolari per Arezzo lamentano che, nonostante le tante promesse elettorali, i territori al di fuori della città continuano ad essere in fondo all'agenda politica e non ottengono adeguata valorizzazione. L'ultimo programma triennale delle opere pubbliche, infatti, non offre un adeguato spazio ai tanti interventi necessari per garantire le infrastrutture essenziali, per favorire la sicurezza e per incentivare la socializzazione nelle frazioni. Nemmeno i finanziamenti relativi al bando governativo di riqualificazione urbana sono stati uno stimolo per liberare risorse comunali e per far fronte alle tante esigenze dei piccoli centri dove vive il 40% della popolazione aretina.

Al contrario, il confronto tra il programma triennale delle opere pubbliche approvato poche settimane fa e quello dell'anno precedente mostra come gli interventi e i relativi finanziamenti siano addirittura diminuiti. In previsione, infatti, sono state ridotte le opere messe a cantiere e sono stati addirittura depennati interventi riguardanti, ad esempio, la variante al passaggio a livello di Giovi o il parcheggio a Rigutino. «Il nostro appello - commenta Andrea Gallorini, presidente dei Popolari per Arezzo, - è che l'amministrazione comunale ascolti e dia finalmente risposte concrete a quei tanti cittadini che vivono e animano le frazioni. Alcune opere che sono state terminate in questi giorni, come il nuovo marciapiede lungo la Strada Regionale 71 a Vitiano, sono il frutto della vecchia amministrazione di centrosinistra e sono stati richiesti a gran voce nel corso degli anni dai Popolari per Arezzo. Gli scarsi interventi previsti dal programma triennale delle opere pubbliche sono un campanello d'allarme che denota l'inadeguata attenzione verso tutta quella realtà urbana e sociale che circonda la città».

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0