Prima Pagina | Politica società diritti | Perquisite varie discariche in Toscana e relative sedi legali. Anche a Podere Rota gli uomini delle F.O.

Perquisite varie discariche in Toscana e relative sedi legali. Anche a Podere Rota gli uomini delle F.O.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Perquisite varie discariche in Toscana e relative sedi legali. Anche a Podere Rota gli uomini delle F.O.

I Carabinieri Forestali dei Gruppi di Livorno, Arezzo, Pisa, Pistoia e Brescia, insieme al G.I.C.O. della Guardia di Finanza di Firenze, su delega della Procura della Repubblica di Firenze - Direzione Distrettuale Antimafia, hanno perquisito le sedi legali e le discariche di diverse società operanti nel settore dei rifiuti, e proceduto al sequestro di documenti e materiale informatico, acquisendo fonti di prova utili alle indagini.

Per l’esecuzione di questa importante attività investigativa sono stati impegnati più di 50 militari, tra Carabinieri del Comando Unità Forestale, Ambientale e Agroalimentare e Finanzieri del G.I.C.O., dislocati su varie province della Toscana e della Lombardia.

L’attività d’indagine, iniziata per conto della Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze, coordinata dal Dott. Ettore Squillace Greco che sta seguendo l’indagine dalle fasi iniziali, e oggi Procuratore Capo di Livorno, riguarda il traffico illecito dei rifiuti operante in gran parte in Toscana e nella provincia di Brescia.

Si sta verificando se gli indagati, dipendenti di varie aziende, alcune anche a partecipazione pubblica, abbiano messo in atto un traffico illecito di rifiuti non smaltibili presso gli impianti che li hanno invece ricevuti. Tale meccanismo potrebbe aver così consentito alle società degli indagati di risparmiare gli ingenti costi dell’idoneo smaltimento.

La Toscana è, per le intense attività manifatturiere e di trasformazione ivi presenti, una delle Regioni interessate da intensi traffici illeciti di rifiuti quali business illegali fra i più redditizi.

Immediata la replica di CSAI 

INDAGINI SUL PRESUNTO TRAFFICO ILLECITO DI RIFIUTI IN TOSCANA 

CSAI PRECISA CHE NESSUN DIRIGENTE O EX DIRIGENTE RISULTA INDAGATO

In merito all’inchiesta in corso che ha sottoposto a perquisizioni e controlli alcune aziende che operano nel settore dei rifiuti, tra queste anche la discarica di Podere Rota dove sono stati acquisiti documenti, CSAI Spa ritiene necessario precisare che, contrariamente a quanto riportato dal quotidiano La Nazione in edicola oggi, nessun dirigente o ex dirigente dell’azienda è indagato.

CSAI Spa conferma piena fiducia nell’operato della magistratura anche collaborando pienamente con gli inquirenti nel mettere a disposizione gli atti richiesti. Al contempo si riserva tuttavia il diritto di tutelare la propria immagine ed onorabilità in tutte le sedi deputate, respingendo qualsiasi affermazione che non corrisponda al vero. Ai sensi della legge sulla stampa è stato quindi chiesto al quotidiano La Nazione la rettifica della notizia infondata.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0