Prima Pagina | Lo Sport | Arezzo calcio sfilata di mano a Ferretti (a sua insaputa). Ma la firma è stata apposta davanti al notaio e pubblichiamo copia dell'atto di cessione

Arezzo calcio sfilata di mano a Ferretti (a sua insaputa). Ma la firma è stata apposta davanti al notaio e pubblichiamo copia dell'atto di cessione

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Arezzo calcio sfilata di mano a Ferretti (a sua insaputa). Ma la firma è stata apposta davanti al notaio e pubblichiamo copia dell'atto di cessione

In realtà non è Ferretti l’amministratore unico di Programma Mutuo SRL, ma il sig. Pasquini Giorgio, che il 3 febbraio scorso ha regolarmente firmato la cessione delle quote al valore nominale, davanti al notaio e dotato di tutti i poteri ordinari e straordinari.

 

Dietro l’operazione Alessandro Nuccilli (forse), l’imprenditore che a Siena si presentò col cognome di Monzi, a Foligno, Pavia e Arezzo, Nuccilli

La doppia identità dell’ expresidente del Pavia calcio, Alessandro Nuccilli, che nel 2014, interessato all’acquisto del Siena, si presentò in TV sotto falso nome.

Alessandro Nuccilli, l’imprenditore romano che aveva acquistato, per solo un euro, il Pavia Calcio da Xiadong Zhu, avrebbe dovuto incontrare stampa e tifosi subito dopo, ma all’hotel dov’era arrivato la sera precedente, lo raggiunsero due poliziotti in divisa: gli chiesero di seguirli in Questura.

Usare false generalità non è proprio uno scherzetto!

Con un falso nome si era presentato al presidente della società Antonio Ponte, che raggiunto telefonicamente, confermava tutto. Dell’acquisto non se ne era fatto nulla, poichè qualcuno avrebbe tentato di ucciderlo (come riferito nell’intervista al «Corriere», dove Nuccilli asserisce tra l’altro che il dottor Monzi è un’altra persona)

Ma tornò subito a bazzicare altri club sull’orlo del fallimento. A febbraio dello stesso anno acquistò il Foligno e a giugno lo «riconsegnò», fallito, al sindaco. Quindi a gennaio dell’anno successivo è passato al Pavia Calcio, sommerso da 5 milioni di debiti dopo il disimpegno della proprietà cinese.

Sappiamo poi come è andata a finire: lo scorso giugno il Pavia non si è iscritto al campionato di Lega Pro per il parere negativo della Covisoc, l’organo di vigilanza sulle società professionistica. Da gennaio, infatti, la proprietà aveva smesso di pagare contributi e stipendi. Dopo le denunce del direttore generale, i trasferimenti di denaro da conti terzi si sono interrotti: per un certo periodo Zhu ha versato soldi di tasca sua, poi si sono chiusi i rubinetti. E i debiti sono esplosi, proprio come ammoniva la relazione di bilancio: “La prospettiva di continuità dell’attività potrà essere garantita esclusivamente dall’intervento dei soci”, scrivevano i revisori. Cosa che da inizio 2016 non è più avvenuta. La vecchia proprietà ha rastrellato qualche spicciolo per l’iscrizione, ma senza più ripianare le perdite. E così il Pavia è stato escluso dal campionato. A ottobre è arrivato anche il fallimento, per debiti accertati superiori a 3 milioni di euro.

Non sappiamo se Ferretti fosse al corrente o meno della cessione in corso. Ma l’amministratore unico della società che controllava l’Arezzo non era e non è lui e chi ha firmato la cessione, lo ha fatto nel pieno delle sue prerogative, avendo infatti la società trasferito all'amministratore unico la rappresentanza legale ed ogni potere di ordinaria e straordinaria amministrazione.

Secondo me, questa è la fine dei giochi. 

Per la parte archivistica e documentale, mi sono  avvalso della preziosa collaborazione del dottor Stefano Capaccioli


La replica del presidente Ferretti

Il Presidente Mauro Ferretti è e rimane l'azionista di maggioranza dell'Arezzo e non ci sono modifiche nella struttura societaria. "Tranquillizzo la squadra, la città e tutti i nostri tifosi: non c'è stato alcun cambiamento nella proprietà della società ma solo un tentativo di truffa che ho già denunciato alle autorità competenti - afferma Ferretti. Lunedi sarò ad Arezzo assieme ai miei legali per chiarire ulteriormente e definitivamente la questione. Intanto concentriamoci tutti sulla gara di sabato contro la Racing Roma, fondamentale per ripartire nel nostro cammino che sul campo ci sta regalando grandi soddisfazioni", conclude Ferretti. La conferenza stampa si svolgerà lunedì 6 marzo alle ore 16:00 nella sala stampa dello Stadio Comunale "Città di Arezzo".

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0