Prima Pagina | Politica società diritti | Comune di Arezzo: tolleranza zero contro i writers, mentre la città è abbandonata al vero degrado.

Comune di Arezzo: tolleranza zero contro i writers, mentre la città è abbandonata al vero degrado.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Comune di Arezzo: tolleranza zero contro i writers, mentre la città è abbandonata al vero degrado.

 

Sembra proprio che la priorità del Comune di Arezzo sia ormai quella di giocare a nascondino contro i writers, mentre la città è in balia di chiunque si senta autorizzato ad abbandonare rifiuti di qualsiasi genere, a qualsiasi ora del giorno e della notte, fuori dagli esercizi commerciali, fuori dal portone di casa, intorno ai cassonetti, lungo le strade extraurbane, eccetera.

Squadre speciali di poliziotti municipali in borghese, telecamere nascoste, squadre di operai manutentori pronti a ripassare quotidianamente sui sottopassi della periferia. Uno sproporzionato dispiegamento di mezzi per contrastare qualche dispettoso ragazzo in cerca di adrenalina, che esprimere la propria creatività proprio laddove è proibito: certo una attività al margine della legalità, ma sicuramente meno pericolosa ed offensiva del decoro e della salute pubblica di una corsa in auto in preda ai fumi dell’alcool o di qualche sostanza chimica.

Meglio sarebbe fare come in alcune grandi metropoli, governate da amministratori ben più lungimiranti, dove anziché dare la caccia ai writers, li si invitano a decorare le periferie degradate.

E meglio sarebbe impegnare le poche pattuglie della PM ancora disponibili per contrastare la vera illegalità, quella degli evasori fiscali, di chi non rispetta i regolamenti comunali, chi inquina e edifica abusivamente, chi guida mettendo a repentaglio la propria e la vita altrui, chi parcheggia SUV sopra i marciapiedi, nelle strisce pedonali, chi abusa di permessi ztl spacciandosi per residente o invalido…

Senza considerare che, se proprio avanzasse qualche soldo nelle casse comunali, ormai ridotte al lumicino dallo strangolamento progressivo perpetrato dai vari Governi di centrodestra e di centrosinistra che si sono succeduti, sarebbe meglio investirlo nella manutenzione delle strade, dei fossi, delle caditoie, dei marciapiedi, nella riqualificazione degli edifici di proprietà pubblica abbandonati, eccetera.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0