Prima Pagina | Lo Sport | Rugby: doccia fredda! Anzi gelata

Rugby: doccia fredda! Anzi gelata

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Rugby: doccia fredda! Anzi gelata

Ai giocatori del Vasari Rugby piace fare la doccia fredda dopo gli allenamenti?

 
 
Questo devono pensare il Comune e l’attuale gestore dell’impianto da rugby di via dell’Acropoli. Sono ormai molte settimane che gli atleti del Vasari si allenano il venerdì sera nel campo da rugby comunale per preparare la partita della domenica, pagando regolarmente la tariffa comunale. Ed ogni volta al termine degli allenamenti, salvo rare eccezioni, dalle docce sgorga esclusivamente acqua gelata. Con temperature esterne di zero gradi.
 
Sarà forse un modo per temprare nello spirito e nel fisico gli atleti del rugby, sport duro e spartano?!
 
Purtroppo le battute devono lasciare spazio alla realtà e ieri sera ci sono stati momenti di tensione dovuti alla stanchezza sofferta da tutti gli atleti per il ripetersi di questa incredibile inefficienza.
 
Qualcuno, siamo sicuri, dirà che è il solito Vasari che esagera, o che è “alla ricerca di un casus belli” (ci piacciono le citazioni). Ma purtroppo non è così e l’attuale situazione è rappresentata dagli stessi messaggi inviati dai responsabili gestori dell’impianto.
Il Vasari non vuole buttare la croce su nessuno. Ma è mai possibile che non si riesca a risolvere questo problema? E’ possibile che non si individuino le responsabilità? 
Il gestore, che ha l’onere e la responsabilità della manutenzione dell’impianto, addossa le colpe alla ditta affidataria, da parte del Comune, della manutenzione dell’impianto idrico.
Il Comune (ufficio sport), “comprendendo” il disagio degli atleti del Vasari, non risponde alle ripetute richieste di spiegazioni da parte della dirigenza del Vasari, continuando con il suo assordante silenzio.
E domenica i giocatori della prima squadra disputano in casa un importante incontro salvezza con il Florentia che potrebbe concludersi con una doccia fredda, anche per l'arbitro, con possibili segnalazioni da parte di quest'ultimo nel suo referto e probabili sanzioni a nostro carico.
 
Magari ci risponderanno che ci sono cose più importanti. Ed allora dobbiamo invitare i nostri atleti a sopportare l’acqua fredda e a comportarsi come gladiatori. Proviamo a sorridere. Ma c’è da piangere.
Si tratta pur sempre di un importane bene appartenente al patrimonio del Comune.
 
Oggi come sempre non possiamo che far sentire la nostra vicinanza agli atleti del Vasari invitando tutti gli sportivi a fare il tifo per la nostra squadra di rugby, domenica alle ore 14.30.
E tutto questo mentre ben due atleti del Vasari esordiscono e giocano nella nazionale Under 20 che partecipa al 6 Nazioni di categoria.
 
Incredibile, ma ad Arezzo, nel mondo del rugby, tutto è possibile.
 
Il cda del Vasari Rugby Arezzo
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0