Prima Pagina | Politica società diritti | Si all’entrata in borsa di Estra, perplessità sulla fusione tra Coingas e Aisa Impianti.

Si all’entrata in borsa di Estra, perplessità sulla fusione tra Coingas e Aisa Impianti.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Si all’entrata in borsa di Estra, perplessità sulla fusione tra Coingas e Aisa Impianti.

Necessaria una condivisione politico-amministrativa di certe operazioni senza le quali il comune di Castiglion Fiorentino non potrà dare il suo consenso.



“L'appoggio del comune di Castiglion Fiorentino alle scelte strategiche del Comune Capoluogo sulle partecipate non è né scontato né tanto meno automatico”. Così il sindaco Mario Agnelli sulla questione Estra-Coingas in vista della convocazione dell’assemblea della società aretina di via Cocchi che prevede, tra gli altri punti posti all’ordine del giorno, la procedura di quotazione in borsa della partecipata Estra S.p.A. e all’indirizzo da fornire al consiglio di amministrazione della società Coingas in merito all’entrata in borsa di Estra, appunto, di cui verrà discusso il prossimo lunedì 20 febbraio.
“Ci siamo espressi anche noi a suo tempo sulla quotazione in borsa di Estra, con delibera nr 9 del 26 febbraio 2015 (processo di parziale privatizzazione della società Estra attraverso quotazione, nonché fissazione dei principi relativi al processo, alla formazione del prezzo di vendita delle azioni, nonché ai principi relativi alle modifiche allo statuto) quindi crediamo che i tempi siano maturi per questa operazione che oltre a dare più trasparenza alla gestione e quindi tutela ai risparmiatori-soci si trasforma in una straordinaria occasione di risorsa per i 97 comuni. L’entrata in borsa di Estra diventa per la società e per i soci un’opportunità importante di finanziamento a basso costo” dichiara il sindaco Agnelli che aggiunge “nutriamo invece delle perplessità sulla ventilata straordinaria operazione di fusione tra la società Coingas spa e Aisa impianti della quale non ci sono chiare le finalità.  Sulla galassia dei rifiuti, è sempre più crescente la diffidenza in un sistema che non va solo verso il commissariamento, ma che andrebbe azzerato a tutti i livelli. È necessaria, quindi, una condivisione politico-amministrativa di certe operazioni senza le quali il comune di Castiglion Fiorentino non potrà dare il suo consenso”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0