Prima Pagina | Lo Sport | Polidori-gol, l'Arezzo sbanca Siena dopo 53 anni! Il derby è un tripudio amaranto

Polidori-gol, l'Arezzo sbanca Siena dopo 53 anni! Il derby è un tripudio amaranto

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Polidori-gol, l'Arezzo sbanca Siena dopo 53 anni! Il derby è un tripudio amaranto

Allo stadio ''Artemio Franchi'' ci sono oltre 600 tifosi aretini al seguito. Sottili osa con Moscardelli e Polidori in attacco, mentre dall'altra parte ci sono Mendicino e Marotta. Primo tempo scoppiettante, occasioni da una parte e dall'altra, poi al 43' una deviazione di Terigi su tiro del centravanti spezza l'equilibrio. Nella ripresa sterili assalti bianconeri. Alla fine è tripudio nel settore ospiti

By Amarantomagazine


L'Arezzo, in maglia azzurra, gioca il derby a Siena con oltre 600 tifosi al seguito nel settore ospiti. Debutto per Barison in difesa, Cenetti invece va in panchina con Ferrario: a centrocampo Foglia e Corradi, in avanti Moscardelli e Polidori.

Scazzola conferma il 4-4-2 con Marotta e Mendicino tandem d'attacco.

 

Avvio di gara scoppiettante: dopo solo 3' Mendicino verticalizza per Marotta, botta di sinistro da posizione decentrata che si stampa sulla traversa. Ribaltamento di fronte e occasione per Yamga, che pescato con un lancio da dietro alza un po' troppo la mira. L'esterno all'11' sgassa sulla sinistra seminando mezza difesa, palla dentro per Polidori che al volo non trova lo specchio. Risposta immediata della Robur, troppo centrale però il tiro di Guerri, Borra blocca facile.

Al 20' un ottimo filtrante mette in moto Mendicino, il cui sinistro da posizione decentrata si spegne a lato. Subitanea risposta degli amaranto con Moscardelli, che tenta di soprendere da fuori Moschin sul primo palo dopo aver ricevuto da Corradi.

Ancora Mendicino al 25' ha un'occasione d'oro per portare i suoi in vantaggio, ma il numero 9 dal limite dell'area di porta spedisce alto il traversone a mezz'altezza di Vassallo. I ritmi nel frattempo si abbassano, ma lo spettacolo non ne risente eccessivamente. Al 36' Moscardelli, dalla destra, si libera di un difensore con un gran numero e crossa, Polidori di testa prolunga per l'accorrente Foglia ma Moschin in uscita lo anticipa.

Giusto prima del riposo l'Arezzo passa in vantaggio: Luciani avanza sulla destra e serve in mezzo Bearzotti, il numero 21 con una grande intuizione la fa scorrere per Polidori che calcia di prima e spiazza Moschin grazie ad una deviazione di Terigi.

 

Inizio ripresa molto più compassato e ragionato, la prima conclusione arriva soltanto al 10' con Moscardelli su scarico di Yamga ma il capitano non inquadra la porta. Prova subito Grillo a scuotere i suoi concludendo di destro appena entrato in area, Borra si distende e devia in angolo.

Sottili butta nella mischia Arcidiacono al posto di Bearzotti, mentre Scazzola vuole maggior spinta dai suoi ed inserisce Gentile e Bunino al posto di Guerri e un comunque buon Grillo. E' però sempre Mendicino (29') a cercare la via della rete, anche se la sua incornata su sventagliata di Vassallo termina ben oltre la traversa. Al 33' retroguardia dell'Arezzo sorpresa dallo schema su corner di Iapichino, fortunatamente Marotta dal limite non trova la giusta coordinazione colpendo direttamente sul fondo.

Al 36' si rivede l'Arezzo con un velocissimo contropiede, palla in avanti per Arcidiacono, controllo sulla linea di fondo e scarico dietro per Moscardelli che di prima intenzione cerca Polidori, trovando però il deserto a centro area. Le squadre sono lunghe e gli amaranto cercano di sfruttare soprattutto le ripartenze veloci come al 92', quando Arcidiacono mette un lungo pallone in area per Corradi che però viene rimontato da D'Ambrosio un istante prima di poter calciare. L'ultimo brivido arriva a tempo praticamente scaduto con una punizione per la Robur, ma lo schema che porta al tiro Stankevicius si conclude con un nulla di fatto.

 

Terzo successo in altrettante gare del girone di ritorno per i ragazzi di Sottili, che regalano ai tifosi un successo esterno atteso da ben cinquantatre anni. Adesso arriva l'esame di maturità più difficile, con la capolista Alessandria che domenica prossima sarà ospite al Comunale.

 

Siena. Stadio ''Artemio Franchi'', ore 16.30.

SIENA (4-4-2): 1 Moschin; 14 D'Ambrosio, 17 Stankevicius, 27 Terigi, 15 Iapichino; 20 Grillo (24'st 13 Bunino), 7 Castiglia (37'st 21 Saric), 8 Guerri (20'st 6 Gentile), 25 Vassallo; 9 Mendicino, 10 Marotta.

A disposizione: 22 Ivanov, 2 Panariello, 4 Rondanini, 5 Ghinassi, 16 Bordi, 27 Terigi, 28 Secondo, 34 Florindi.

Allenatore: Cristiano Scazzola.

AREZZO (4-4-2): 22 Borra; 16 Luciani, 6 Barison, 4 Solini, 3 Sabatino; 21 Bearzotti (17'st 25 Arcidiacono), 8 Foglia, 7 Corradi, 17 Yamga; 9 Moscardelli (39'st 20 Cenetti), 18 Polidori (49'st 24 Rosseti).

A disposizione: 1 Benassi, 12 Garbinesi, 2 Muscat, 5 Masciangelo, 10 Erpen, 14 Demba, 15 D'Ursi, 19 Ba, 31 Ferrario.

Allenatore: Stefano Sottili.

Indisponibili: 13 De Feudis. Squalificati: 11 Grossi (1). 

ARBITRO: Alessandro Pietropaolo di Modena (Davide Imperiale di Genova - Christian Zanardi di Genova).

NOTE: spettatori presenti 3.954 (1.819 paganti più 2.135 abbonati), incasso di 29.311 euro. Ammoniti: pt 27' Sabatino; st 12' Foglia, 45' Borra, 49' Marotta. Angoli 5-3. Recupero tempi: 1' e 5'. 


 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0