Prima Pagina | Politica società diritti | Nuovi livelli essenziali di assistenza. MATTESINI: “GRANDE SODDISFAZIONE. PROVVEDIMENTO ATTESO DA 15 ANNI”

Nuovi livelli essenziali di assistenza. MATTESINI: “GRANDE SODDISFAZIONE. PROVVEDIMENTO ATTESO DA 15 ANNI”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Nuovi livelli essenziali di assistenza. MATTESINI: “GRANDE SODDISFAZIONE. PROVVEDIMENTO ATTESO DA 15 ANNI”

 

"Una grande soddisfazione per un provvedimento atteso da 15 anni e che ora si avvia finalmente all'approvazione definitiva anche grazie all'apporto sostanziale e collaborativo del parlamento", Così la senatrice del Partito democratico Donella Mattesini, della commissione sanità commenta il parere favorevole della commissione al Decreto del consiglio dei ministri per l'aggiornamento dei Livelli essenziali di assistenza.

"Voglio sottolineare in particolare - prosegue Mattesini - la scelta di metodo sottesa al provvedimento che prevede una revisione permanente della sua attuazione consentendo così la costante adeguatezza dell'assistenza alla mutazione dei bisogni dei cittadini. Altre importanti innovazioni riguardano il riconoscimento di nuove malattie rare, oltre 100, e il passaggio di alcune di esse a malattie croniche. Va poi sottolineata l'attenzione significativa alla salute femminile con il riconoscimento della fibrosi cistica e l'inserimento del parto indolore.”

“Nel parere espresso dalla Commissione - aggiunge Mattesini - ottiene grande rilievo il richiamo all'integrazione sociosanitaria che è fondamentale per un uso efficace delle risorse e per una piena attuazione dei Lea. Esplicativo a questo proposito è il caso della nutrizione parenterale artificiale domiciliare che può ridurre i molti casi di morte legati alla malnutrizione nei malati oncologici rendendo più efficaci le cure per la patologia e migliorando le condizioni di vita quotidiana del paziente che può mantenere la sua autonomia personale in un contesto familiare. Insomma ora abbiamo un ottimo provvedimento che assicura, di per sé, nuovi strumenti per tutelare la salute di tutti i cittadini occorre però promuovere al più presto i passi necessari per renderli efficaci su tutto il territorio nazionale".

“E’ importante sottolineare anche il lavoro positivo che negli anni è stato fatto dalla Regione Toscana, che nelle scelte autonome ha compiuto scelte di significativa innovazione ponendosi come esperienza pilota a livello nazionale. Alcune buone prassi da tempo adottate a livello regionale sono da oggi esportate in tutto il paese”, conclude la senatrice Democratica.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0