Prima Pagina | Politica società diritti | “Nuovo Cda di Sei Toscana: servono una drastica riduzione dei componenti e un direttore generale”

“Nuovo Cda di Sei Toscana: servono una drastica riduzione dei componenti e un direttore generale”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“Nuovo Cda di Sei Toscana: servono una drastica riduzione dei componenti e un direttore generale”

Dichiarazione del sindaco di Arezzo, e presidente di Ato Rifiuti Toscana Sud, Alessandro Ghinelli

 

 

 

In merito alla nomina del nuovo Cda di Sei Toscana credo che lo stesso consiglio di amministrazione necessiti di una drastica riduzione del numero dei componenti anche, ma non solo, per abbatterne i costi.

Inoltre, in questo particolare momento che vive la società, ritengo che debba essere superata la figura dell’amministratore delegato e sostituita con quella di un direttore generale, esterno al Cda, con funzioni operative. Il direttore generale andrebbe individuato tra gli attuali dirigenti di Sei Toscana, tra i quali spiccano adeguate professionalità. Ho anche appreso che per questi motivi, che condivido a pieno, Aisa si è astenuta dal presentare un proprio componente e dalla votazione del nuovo Cda.

Inoltre mi preme ringraziare il presidente di Anac, Raffaele Cantone, per avermi risposto celermente e avere prorogato il termine per la presentazione di memorie scritte e documenti a venerdì 16 dicembre. Una proroga comunque infruttuosa ai fini della mia richiesta di commissariamento di Sei Toscana visto che la prossima assemblea di Ato, già destinata all’approvazione del bilancio preventivo 2017, si svolgerà il prossimo 20 dicembre e non c’è tempo per convocarne un’altra destinata a tale argomento.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0