Prima Pagina | Cronaca | Prima scossa di terremoto avvertita alle 19.11, la seconda alle 21,18

Prima scossa di terremoto avvertita alle 19.11, la seconda alle 21,18

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Prima scossa di terremoto avvertita alle 19.11, la seconda alle 21,18

Misericordie e vigili del fuoco già partiti dalla Toscana. Evacuato il teatro Petrarca ad Arezzo. Per ora non risultano decessi

Una scossa di terremoto è stata avvertita alle 19.11 anche ad Arezzo e la replica alle 21,18

In provincia si parla di lampadari che ruotano paurosamente, avvertita come ondulatoria, effetto nave.

Una notte infernale, durante un temporale con centinaia di fulmini, acqua a catinelle e a seguire un'ora di blackout.

L'epicentro in Valnerina, il centro piu' vicino Castel Sant'Angelo sul Nera

Due scosse, la prima di magnitudo 5,4 e la seconda di magnitudo 5,9, sono state registrate con epicentro in Valnerina, rispettivamente alle 19:11 e alle 21:18. La seconda scossa ha avuto epicentro alla profondità di 8,4 chilometri nella zona di Ussita (Macerata), tra Visso e Castel Sant'Angelo sul Nera.

Sono Castelsantangelo sul Nera, Visso, Ussita e Preci i comuni nell'epicentro del terremoto che ha interessato la provincia di Macerata. Nella zona sono saltate le linee elettriche. Tanta paura e crolli di cornicioni a Visso, in provincia di Macerata. La popolazione si è riversata in strada e sono numerosissime le telefonate ai vigili del fuoco.

Il terremoto ha interessato tutto il centro Italia. La  scossa molto forte è stata avvertita in tutte le Marche, dalle zone terremotate dell'Ascolano ad Ancona, a Fabriano e Pesaro. Molte persone sono uscite di casa spaventate. Tantissime le chiamate ai vigili del fuoco. Non si sa ancora se ci sono stati danni. 

La forte scossa di terremoto è stata avvertita distintamente anche a Roma, anche nei piani basse delle abitazioni. I lampadari hanno tremato, le porte e le finestre hanno vibrato. Avvertita anche Rieti intorno alle 19.11 è durata svariata secondi. Avvertita ad Arezzo, a Perugia ed Assisi.

''Abbiamo un grosso problema sulla Salaria, per il momento non posso dire niente, stiamo valutando''. Così il dirigente della Protezione civile delle Marche Cesare Spuri, dopo la scossa di terremoto superiore a magnitudo 5.4 che ha investito la provincia di Macerata.



Castelsantangelo sul Nera, paese di circa 300 abitanti in monti Sibillini

ROMA - Castelsantangelo sul Nera, il paese più vicino all'epicentro della scossa di terremoto delle 19.11 è un comune di 318 abitanti della provincia di Macerata, nelle Marche. Nel suo territorio, nella zona del parco di monti Sibillini, si trovano le sorgenti del fiume Nera. Castelsantangelo sul Nera si trova in linea d'aria a 17 chilometri e mezzo a nord ovest di Arquata del Tronto, uno dei centri più colpiti dal sisma del 24 agosto. 

 

La situazione fulmini durante la serata del 26 ottobre

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0