Prima Pagina | Politica società diritti | AREZZO è in EUROPA? MOSTRA FOTOGRAFICA sulla MOBILITA’ CICLISTICA IN CITTA’

AREZZO è in EUROPA? MOSTRA FOTOGRAFICA sulla MOBILITA’ CICLISTICA IN CITTA’

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
AREZZO è in EUROPA?  MOSTRA FOTOGRAFICA sulla MOBILITA’ CICLISTICA IN CITTA’

 

Arezzo è in Europa? Non è una domanda retorica, oggi, fra l’altro, potrebbe suonare stonata e inattuale, l’Europa è rappresentata nell’immaginario collettivo quasi unicamente come il luogo del potere finanziario che ha scatenato una crisi economica senza precedenti, l’Europa, da decenni, pur essendo “unita” rimane senza un governo in grado di dare una risposta alle nazioni più in difficoltà e di risolvere il dramma delle migrazioni in un clima teso di eventi drammatici che alimentano spinte nazionaliste di un tragico passato che pensavamo superato dopo la sconfitta dei totalitarismi.

I nostri occhi, mentre eravamo a pedalare in vari paesi, hanno però visto un Europa diversa, questa domanda ce la siamo posta rientrando nella nostra città dopo un periodo di ferie e di vacanza nei mesi estivi.

Il rientro non è sempre facile, si fa fatica a riprendere il ritmo della quotidianità, tutto ci sembra più brutto rispetto ai luoghi che abbiamo visitato, i pensieri si accavallano e si spera riprendere presto un altro viaggio.

Per chi ha scelto di fare una ciclovacanza in Spagna come in Olanda, in Francia o anche in Germania, Austria e Croazia, per non citare l’Inghilterra con Londra e i paesi nordici, il rientro pone degli interrogativi cruciali.

C’è chi ha fatto le vias verdes della Spagna, 2400 chilometri di piste ciclabili protette su vecchie ferrovie dismesse, chi ha pedalato lungo la Loira o il Danubio, chi è sceso in treno a Friburgo ed ha trovato una stazione ferroviaria intermodale dove l’auto è praticamente assente, altri hanno visitato, oltre a città piccole e medie, grandi capitali.

I cicloturisti aretini, appena scesi dal treno, scaricata la bicicletta con le borse e usciti dalla stazione, non hanno potuto fare a meno di pensare allo stato attuale della nostra città.

Per questo abbiamo ideato questa mostra sulla “mobilità sostenibile”, nel rispetto degli indirizzi contenuti nell’accordo internazionale di Parigi per il contenimento delle emissioni di gas che alterano il clima e per la “mobilità dolce”. Il cicloturismo, in altri paesi e regioni costituisce la componente prevalente, se non principale, delle modalità di fare vacanza, godendosi i paesaggi e le città d’arte.

La mostra fotografica allestita dai volontari di FIAB Arezzo, senza alcun contributo pubblico, deriva da una scelta di foto, fra le centinaia pervenute, scattate dai nostri soci ad Arezzo e durante i viaggi in Europa e in altre regioni italiane. Abbiamo fatto dei confronti, anche impietosi, e con la speranza di sensibilizzare tutti cittadini e anche la Pubblica Amministrazione che ha dimostrato fino ad oggi di non allinearsi all’Europa migliore.  

Giovanni Cardinali

Presidente FIAB Arezzo

Sala mostre del circolo Artistico – Corso Italia 108 AREZZO

Da giovedi 20 a mercoledi 26 ottobre 2016

Orari: Lun-Ven 16-20       Sab-Dom 10-12/16-20

INGRESSO LIBERO

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0