Prima Pagina | Politica società diritti | Piazza del Popolo, incuria e degrado nel pieno cuore di Arezzo

Piazza del Popolo, incuria e degrado nel pieno cuore di Arezzo

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Piazza del Popolo, incuria e degrado nel pieno cuore di Arezzo

I Popolari per Arezzo denunciano lo stato di abbandono e la mancata manutenzione della piazza. L'amministrazione deve attivarsi per la cura del verde e per la riqualificazione della colonna dorica

 

AREZZO – Ad Arezzo c'è un esempio di incuria e di degrado nel cuore della città. I Popolari per Arezzo denunciano come piazza del Popolo, importante area urbana adiacente a scuole e ad uffici, giaccia abbandonata a se stessa a causa di una totale assenza di semplici interventi di manutenzione ordinaria volti a mantenere la dignità del luogo. Passando da via Garibaldi, ogni pedone può notare lo stato in cui versa l'area verde, con le siepi che dovrebbero delimitare i vialetti del giardino che sono ormai diventate un ostacolo per il transito: non più ornamenti vegetali, dunque, ma cespugli incolti che favoriscono eventuali episodi di microcriminalità e inciviltà. Oltre alla generale incuria del verde, a fare da padroni a piazza del Popolo sono anche sporcizia, escrementi e, al momento, perfino un albero divelto, oltre alla presenza di una fontana inattiva imbrattata di graffiti. «Questa storica piazza - commenta il presidente dei Popolari per Arezzo Andrea Gallorini, - è collocata nel pieno centro di Arezzo e rappresenta un pessimo biglietto da visita per la città. Per porre fine al degrado in cui versa la piazza e per restituirle dignità basterebbe un minimo di ordinaria manutenzione, dunque invitiamo l'amministrazione comunale ad un intervento rapido e efficiente».

Un'ulteriore problematica riguarda la colonna dorica posta nel 1880 in piazza del Popolo per ricordare i caduti aretini nelle battaglie risorgimentali: la base del monumento è ricoperta da scritte e graffiti, favoriti proprio dalla scarsa visuale causata dalla vegetazione incolta, mentre stanno iniziando a crescere e a diffondersi erbacce anche tra le sezioni del travertino. In questo senso, i Popolari per Arezzo rilanciano la proposta di trasferire questa stele in piazza della Repubblica davanti alla stazione, riprendendo il progetto studiato dalla precedente amministrazione che prevedeva la realizzazione di una rotatoria al posto dell'attuale incrocio semaforico. Il monumento ai caduti, oscurato dal 1924 dal palazzo delle Poste, dovrebbe essere posto al centro di questa nuova area, trovando così una collocazione più dignitosa, riqualificando una zona cittadina tanto importante e andando ad accogliere tutti coloro che arrivano ad Arezzo in treno. «Questo trasferimento - aggiunge Gallorini, - valorizzerebbe la colonna dorica ponendola in una sede più importante e maggiormente visibile, andando ad abbellire uno dei principali ingressi alla città».

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0