Prima Pagina | Politica società diritti | Il Comitato Acqua Pubblica sul depuratore di Ponticino: "Tanto tuonò che piovve"

Il Comitato Acqua Pubblica sul depuratore di Ponticino: "Tanto tuonò che piovve"

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il Comitato Acqua Pubblica sul depuratore di Ponticino: "Tanto tuonò che piovve"

IL COMUNICATO DI NUOVE ACQUE  dell' 11 ottobre 2016

Laterina: completata la prima fase per il collettamento alla depurazione di Ponticino

Nuove Acque ha completato i lavori a Ponticino per collegare alla depurazione le acque reflue provenienti dalla zona sud (Ponticino centro) e della zona sud-est (zona artigianale località Casa Poggiolini) di Ponticino (comune di Laterina. Pergine Valdarno e Civitella in Val di Chiana) e della località Impiano (comune di Laterina). Il collettore e gli impianti di sollevamento realizzati sono già attivi al servizio di oltre 1250 abitanti. 

I lavori così ultimati sono stati presentati oggi dal Presidente di Nuove Acque, Paolo Nannini, Catia Donnini, Sindaco di Laterina e Simona Neri, Sindaco di Pergine Valdarno, presso la sede comunale di Laterina.

I lavori sono stati resi possibili grazie a un investimento della società di circa 900mila euro. Più nel dettaglio, le opere realizzate consistono nell’installazione di

3,7 km di tubazioni fognarie
5 pozzetti sfioratori
4 stazioni di sollevamento

Inoltre, sono state realizzate diverse opere particolari, quali gli attraversamenti del torrente Ganascione e del fiume Arno, due ferrovie (Firenze - Roma) e un tratto dell’autostrada A1 (Milano – Napoli).

 

IL  COMMENTO DEL COMITATO ACQUA PUBBLICA 

Era ora che qualcosa venisse fatto, visto che per 15 anni (dal 1999 al 2014) Nuove Acque aveva incassato dagli utenti di Ponticino qualcosa come 700.000 euro per un servizio che non effettuava.

Bene a sapersi che finalmente una parte degli scarichi fognari di Ponticino sono potenzialmente  collettati ad un depuratore. Pur con tutte le riserve sulla soluzione tecnica adottata – condotte chilometriche e quattro  stazioni di sollevamento presenteranno senz'altro problematiche di funzionamento che si sarebbero  evitate costruendo un depuratore a Ponticino – non possiamo non accogliere con favore la notizia.

Quello che invece disturba è sentire affermare dalla Società di gestione che “i lavori sono stati possibili grazie ad un investimento della società  di circa 900 mila euro” . Tale affermazione potrebbe indurre chi legge a pensare che questi soldi sono stati sborsati da Nuove Acque attingendo dagli introiti da tariffa. Ma non è così : L'opera di collegamento delle fognature di Ponticino al depuratore di Laterina , per un importo totale di 1.600.000 euro ( già inserita nel Programma degli Interventi (PdI) 2012-2013-2014 e riprogrammati  in quello 2014-2017 ) è finanziata al 90% dal Fondo Aree Sottosviluppate (fondi FAS) e per il restante 10% dagli introiti da tariffa che Nuove Acque destina agli investimenti.

Considerato il ritardo  con cui si prevede che verrà completata l'intera opera di collegamento (2018 anziché 2014) e la fonte del finanziamento ( 1.400.000 di soldi pubblici) ci sembra eccessiva l'enfasi con cui i Sindaci dei Comuni interessati hanno salutato questo primo  parziale traguardo,  attribuendo a Nuove Acque ( e a se stessi) il merito di avere avuto la capacità di investire somme rilevanti anche in un difficile momento storico. 

Forse i Sindaci non  sono sufficientemente informati sui tempi di programmazione e sulle  fonti di finanziamento delle opere che riguardano il territorio amministrato e vanno scusati.

15 ottobre 2016                                 Comitato Acqua Pubblica Arezzo

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0