Prima Pagina | Lo Sport | Erpen entra e decide la partita. L'Arezzo sospira e si prende tre punti d'oro

Erpen entra e decide la partita. L'Arezzo sospira e si prende tre punti d'oro

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Erpen entra e decide la partita. L'Arezzo sospira e si prende tre punti d'oro

Amaranto costantemente all'attacco contro la Pro Piacenza: la manovra però è troppo lenta e nel primo tempo solo Polidori impensierisce Fumagalli. Nella ripresa Moscardelli si divora l'1-0 e allora ci pensa il numero 10, subentrato a uno spento Arcidiacono, a risolvere la gara con un gol di rapina. Per la prima volta Benassi mantiene la porta inviolata

By Amarantomagazine

Primo confronto della storia tra Arezzo e Pro Piacenza. Dopo la rimonta di Lucca nel secondo tempo, Sottili rispolvera il 4-4-2 con il tandem Moscardelli-Polidori in attacco. Pea dall'altra parte dispone i suoi con una difesa compatta per non concedere spazi.

 

Prima parte di gara con ritmi molto bassi e completamente controllati dagli amaranto, che però non riescono a trovare lo spunto in avanti nonostante una supremazia territoriale quasi imbarazzante per la Pro. Anche se guadagnare spazi nell’abbottonatissima retroguardia piacentina, disposta come un muro in fase di non possesso, non è proprio impresa semplice. Il primo tiro nello specchio arriva al 25’, la volée di Cavalli è però facile preda di Benassi. Ben più impegnativo l’intervento dello stesso numero uno qualche minuto più tardi sul sinistro di Bazzoffia, disinnescato in due riprese. Alla mezz’ora ci prova Foglia da fuori, troppo semplice l’intervento di Fumagalli.

L’estremo difensore piacentino è invece reattivo al 40’ a deviare in angolo la zuccata di Polidori da centro area dopo un bel cross di Yamga dalla destra. L'ultimo brivido del primo tempo è una punizione di Moscardelli fuori non di molto.

 

I toni della ripresa non si discostano di molto da quelli della prima frazione, con gli ospiti quasi totalmente assorbiti dalla copertura degli spazi, tanto da evitare quasi di partire in contropiede. Poco dopo il quarto d’ora Moscardelli prova a far tutto da solo piazzandola dal limite, Fumagalli si distende e devia in corner. Poco dopo ci prova anche Polidori dopo una combinazione con lo stesso numero 9 ed il subentrato Erpen, ma il destro è strozzato e la palla esce sul fondo.

Segue una fase confusa del match. La Pro Piacenza, complice anche un errore della retroguardia amaranto, ha la ghiottissima occasione per passare in vantaggio con Marra che però spedisce sul fondo. Gli ospiti possono poi usufruire, dopo un conciliabolo durato due minuti, di una punizione indiretta in area (Benassi raccoglie con le mani un reropassaggio di Muscat) che Bini stampa sulla barriera. Su ribaltamento di fronte Polidori mette una palla al bacio a centroarea per l’accorrenteMoscardelli che però, incredibilmente, la spara a lato.

Quando la partita sembrava non doversi mai sbloccare, ecco che all’80’ arriva il vantaggio: Benassi rinvia lungo per ErpenSane al limite dell’area prova a difendere palla ma l’argentino gliela sradica dai piedi e senza pietà giustizia il portiere da due passi. Tergo gol in campionato per il numero 10. Non è proprio giornata invece per Moscardelli che all’86’, approfittando del disperato intervento di Fumagalli su Polidori, di pallonetto mette fuori di un soffio a porta sguarnita bloccando in gola l’esplosione di gioia della curva.

Finisce 1-0. Tre punti importanti per l'Arezzo, che in attesa di Alessandria-Cremonese si piazza al terzo posto in classifica, riscattando il mezzo passo falso di Lucca.

 

Stadio ''Città di Arezzo'', ore 14.30.

AREZZO (4-4-2): 1 Benassi; 16 Luciani, 2 Muscat, 23 Sirri, 3 Sabatino; 25 Arcidiacono (15' st 10 Erpen), 8 Foglia, 13 De Feudis (31' st 7 Corradi), 17 Yamga; 9 Moscardelli, 18 Polidori (43' st 21 Bearzotti).

A disposizione: 22 Borra, 4 Solini, 5 Masciangelo, 6 Milesi, 11 Grossi, 14 Demba, 15 D'Ursi, 19 Ba, 24 Rosseti.

Allenatore: Stefano Sottili.

PRO PIACENZA (3-5-1-1): 1 Fumagalli; 5 Sall, 6 Piana, 4 Bini; 11 Cardin, 16 Rossini, 7 Cavalli, 8 Aspas (36' st 18 Ferrara), 3 Sane; 23 Bazzoffia (30' st 17 Marchionni); 20 Cassani (19' st 19 Marra).

A disposizione: 12 Bertozzi, 2 Calandra, 10 Martinez, 13 Girasole, 14 Gomis, 15 Pugliese, 21 Negro.

Allenatore: Fulvio Pea.

ARBITRO: Ayroldi di Molfetta (Antonacci di Barletta - Selicato di Siena).

NOTE: spettatori presenti 2.254 (881 paganti più 1.373 abbonati), incasso non comunicato. Ammoniti: st 13' Muscat. Angoli: 12-4. Recupero tempi: 1' e 3'

RETI: st 35' Erpen

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0