Prima Pagina | L'opinione | Tributo a Piero (Comanducci)

Tributo a Piero (Comanducci)

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Tributo a Piero (Comanducci)

Centinaia di aretini lo applaudono.

 

Sabato 24 settembre, il teatro Petrarca di Arezzo era pieno: familiari, amici, conoscenti, cittadini, tutti per vedere una summa dei suoi lavori documentaristici, in un omaggio di cui ringrazio gli autori, in primis la famiglia, il team di Teletruria, il Comune, Terra di Arezzo ed altri che sicuramente dimentico. Anche Antonio Cherici, che saluterò di nuovo quando sarà il mio momento.
L'impegno di Piero nella ripresa televisiva su Arezzo, di Arezzo, per Arezzo, sotto e dentro e sopra Arezzo, resterà noto a lungo, e costituirà un punto di riferimento per chi vorrà proseguirne l'opera.
A prescindere delle caratteristiche estetiche -ognuno ha i suoi gusti-, un lavoro immane, ma uno stimolo per voler bene alla nostra città e a impegnarsi per darne il meglio.
Una nota particolare per il suo alterego parlante, Pierluigi Rossi: la coppia davanti e dietro la telecamera ci ha donato minuti di spasso, totale e senza ritegno; solo l'affetto per un amico può convincerti a rendere pubblica una simile clip a centinaia di concittadini.
Da domani, incrociando il Rossi, qualche sfottò volerà, come segno di rispetto e di stima per un raro e forte gesto di amicizia. Complimenti. E forse un po' di invidia per aver passato molto tempo con Piero Comanducci.
Non perderete le future occasioni di vedere questi filmati
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0