Prima Pagina | Politica società diritti | “Dopo la finanza creativa ora ci sono i lavori pubblici creativi”

“Dopo la finanza creativa ora ci sono i lavori pubblici creativi”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“Dopo la finanza creativa ora ci sono i lavori pubblici creativi”

Dichiarazione del consigliere comunale Paolo Lepri (Movimento 5 Stelle)

 

107.000 euro a bilancio. Ma non alla voce lavori pubblici bensì alla voce investimenti. Solo che servono per rifare il manto di asfalto di tre strade limitrofe, in zona San Leo. Non mi pare che rifare il manto sia un investimento quanto piuttosto una manutenzione, doverosa ovviamente. Se ordinaria o straordinaria lo stabilisce la sua entità.

Peraltro i 107.000 euro sono divisi per ogni singola strada e non computati come voce unica. C'è da dire che se tale somma fosse stata contabilizzata fra i 'lavori pubblici', gli interventi avrebbero dovuto essere compresi nel piano triennale delle opere pubbliche e messi a gara per la loro aggiudicazione. Stornarli fra gli investimenti impedisce questa procedura di trasparenza. La logica in questo caso non pare di pertinenza della giunta Ghinelli. Anche perché per giustificare tale scelta è stata presa a riferimento una norma riferita al rifacimento e alla ristrutturazione degli edifici.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0