Prima Pagina | Lo Sport | Erpen, doppietta da sballo. Entra, ribalta il derby e manda l'Arezzo in cima alla classifica

Erpen, doppietta da sballo. Entra, ribalta il derby e manda l'Arezzo in cima alla classifica

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Erpen, doppietta da sballo. Entra, ribalta il derby e manda l'Arezzo in cima alla classifica

Per larga parte del match, gli amaranto soffrono. Il gol di Marotta dopo due minuti gela il Comunale e non servono gli aggiustamenti tattici di Sottili, che prima passa al 4-3-1-2 e poi toglie Arcidiacono nell'intervallo, disegnando un'inedita difesa a tre. Decisivi sono i cambi al minuto 72: Rosseti e l'argentino mettono la firma sul sorpasso, complice anche l'espulsione di Masullo. Curva sud in visibilio

By Amarantomagazine

Arezzo-Siena comincia negli spogliatoi, perché i due allenatori cambiano formazione rispetto all'ultima volta. Nell'Arezzo torna Sabatino a sinistra e in avanti, per la prima volta, Polidori gioca titolare a fianco di Moscardelli. L'ex Yamga va in panca. Colella conferma il 3-5-2 ma tiene fuori Panariello, due stagioni in amaranto, e dà fosforo alla difesa con l'innesto di Terigi.

Neanche il tempo di aggiustare le marcature e una palla buttata avanti dal Siena diventa un invito a nozze per Marotta che si ritrova solo davanti a Benassi: fiondata di destro e gol, Comunale gelato. Gli amaranto sbandano, Corradi prende il giallo per un falo da tergo su Mendicino e Benassi, al 10', deva salvarsi con un bel balzo per evitare il raddoppio di Gentile. In mezzo, un gol annullato a Polidori per offside su assist di Grossi.

Sottili si accorge che le cose non vanno e mette mano al modulo. Corradi vertice basso, Foglia e Grossi mezzeali, Arcidiacono trequartista dietro le due punte. Il Siena lascia l'iniziativa agli avversari e si difende a cinque, confidando nelle combinazioni tra Mendicino e Marotta. L'Arezzo ci prova con Polidori e due volte con Foglia, ma sono conclusioni che non sortiscono effetto. Gli amaranto alzano i ritmi negli ultimi minuti, schiacciando il Sienma nella sua trequarti. Ma la palla gol più pulita ce l'ha ancora Marotta in contropiede: per fortuna il suo destro termina a lato.

 

Nell'intervallo Sottili inserisce Yamga al posto di Arcidiacono, disegnando un inedito 3-4-1-2 con Grossi rifinitore. Dopo pochi minuti nel Siena va dentro l'ex Panariello per Grillo, con D'Ambrosio che va a fare il quinto a destra. Yamga fa l'esterno di sinistra e si allarga sull'out. Al 16' sfonda in area e crossa in mezzo per Moscardelli che non ci arriva. La palla finisce a Luciani che però alza troppo la mira da ottima posizione.

La svolta al minuto 27: Rosseti e Erpen rilevano Corradi e Grossi. Proprio i nuovi entrati confezionano il pari pochi istanti dopo: cross del mediano, colpo di testa dell'argentino che la mette all'angolo e fa esplodere la sud. Il Siena barcolla, Masullo becca il secondo giallo in quindici minuti e sulla punizione che ne segue Erpen la crossa forte a mezz'altezza. Nessuno la tocca, Moschin la sfiora soltanto: è 2-1 con i bianconeri in dieci e lo stadio in visibilio.

Adesso si aprono spazi invitanti e in contropiede Yamga va vicino al gol dell'ex, centrando il palo alla destra di Moschin. E' il brivido che chiude un derby tiratissimo, con l'Arezzo irretito per larga parte del match e trasformato dalla doppietta di Erpen, capace di giocare i primi minuti stagionali e di rovesciare il punteggio, firmando una vittoria che vale molto più dei tre punti canonici e che, per qualche ora, proietta gli amaranto al primo posto.

 

Stadio ''Città di Arezzo'', ore 18.30

AREZZO (4-4-2): 1 Benassi; 16 Luciani, 6 Milesi, 23 Sirri, 3 Sabatino; 11 Grossi (27' st 10 Erpen), 8 Foglia, 7 Corradi (27' st 24 Rosseti), 25 Arcidiacono (1' st 17 Yamga); 9 Moscardelli, 18 Polidori.

A disposizione: 22 Borra, 2 Muscat, 4 Solini, 5 Masciangelo, 13 De Feudis, 14 Demba, 15 D'Ursi, 19 Ba, 21 Bearzotti.

Allenatore: Stefano Sottili.

SIENA (3-5-2): 1 Moschin; 14 D'Ambrosio, 17 Stankevicius, 27 Terigi; 20 Grillo (7' st 2 Panariello), 6 Gentile, 24 Doninelli, 7 Castiglia (27' st 8 Guerri), 15 Iapichino (16' st 18 Masullo); 9 Mendicino, 10 Marotta.

A disposizione: 22 Ivanov, 3 Romagnoli, 4 Rondanini, 5 Ghinassi, 13 Bunino, 16 Bordi, 21 Saric, 25 Vassallo, 26 Filipovic. 

Allenatore: Giovanni Colella.

ARBITRO: Dionisi de L'Aquila (Trinchieri di Milano - Catamo di Saronno).

NOTE: spettatori presenti 3.212 (1.839 paganti più 1.373 abbonati), incasso non comunicato. Espulso Masullo al 32' st per somma di ammonizioni. Ammoniti: pt 3' Corradi; st 5' Foglia, 19' Moschin, 25' Masullo. Angoli: 8-2. Recupero tempi: 1' e 3'

RETI: pt 2' Marotta; st 28' e 33' Erpen

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0