Prima Pagina | Territori | 28 agosto: Liberazione di Bibbiena. Il dovere di non dimenticare

28 agosto: Liberazione di Bibbiena. Il dovere di non dimenticare

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
28 agosto: Liberazione di Bibbiena. Il dovere di non dimenticare

 

 

Settantadue anni fa Bibbiena veniva liberata dal nazifascismo. Una data storica e fondante anche per la nostra comunità.

Purtroppo oggi è diventata una data qualsiasi di cui molti non conoscono nemmeno il significato. Le assurde polemiche di questi giorni relative ai comportamento dell' Associazione partigiani mettono ulteriormente in evidenza la smania di dimenticare, di far perdere valore ad una stagione che, con tutte le contraddizioni dei momenti tragici, segna una stagione eroica e che comunque ci ha assicurato libertà e democrazia.

Oggi assistiamo ad un pericoloso ritorno di movimenti politici e culturali che ci richiamano alle tristi esperienze di quella prima metà del '900.

Razzismi, intolleranze religiose, costruzioni di muri, nazionalismi, guerre, devastazioni! Mai come oggi le conquiste della resistenza, delle resistenze, sono messe in pericolo.

Ecco perché ricordare i nostri partigiani non è solo un dovere etico rispetto ai loro sacrifici, ma un dovere politico per le sfide che dobbiamo affrontare oggi.

Grazie a tutti i partigiani, a tutte quei cittadini e a quelle forze che ci hanno liberato dal nazifascismo e ci hanno regalato la nostra Costituzione repubblicana.

SEL Casentino

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0