Prima Pagina | Politica società diritti | Back in Time, battaglia vinta.

Back in Time, battaglia vinta.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Back in Time, battaglia vinta.

Nota del Coordinamento di Ora e del gruppo consiliare Oraghinelli

 

Con un successo di presenze strepitoso, Back in Time celebra la vittoria di un’idea innovativa per Arezzo, per tre giorni viva ed animata come nessuno ricordava da tempo immemore.

La scommessa di Marcello Comanducci, Gianfrancesco Gamurrini e l’amministrazione tutta, che ai più (e forse anche a loro stessi) pareva folle, è vinta con un risultato netto, indiscutibile.

Migliaia di persone – e tra queste molti turisti - hanno affollato le vie del centro facendoci sentire, per tre giorni, quello che vorremmo essere: cittadini di un luogo sì bello, ma non solo per noi indigeni. Una città ricca di cose da vedere e da fare, ricercata da chi ama viaggiare e che visiti Arezzo non solo come tappa di passaggio tra Firenze e Siena. Una città in grado di mostrare a tutti la sua storia, dove la storia è stata fatta.

Queste iniziative hanno – anche – questa ambizione e questa amministrazione ci sta provando, eccome. Impensabile rimanere tra le città toscane che investono meno in turismo perché, ribadiamolo, di turismo trattasi.

E questo nonostante le critiche pretestuose piovute prima, durante e – ce le aspettiamo – anche dopo un week end che dovremmo considerare come l’avvio di una nuova stagione.

La stagione delle idee e anche della trasparenza. Non denari ripartiti a destra e a manca con modalità quanto meno poco chiare: un’unica delibera, un budget prefissato senza variazioni dell’ultimo minuto se non in diminuzione, rendicontazione puntuale analogamente a quanto previsto per altre manifestazioni che muovono soldi.

Certo, non basterà Back in Time ad accendere il motore di una fuoriserie per troppo tempo lasciata in garage; ma è senz’altro una buona iniezione di energia e fiducia.

Bravi, quindi, Marcello e Gianfrancesco e tutti coloro che hanno contribuito al successo di una “lucida e folle” al tempo stesso scommessa.

E a tutti quelli che ancora stamattina rimpiangono le piogge dei giorni precedenti, a tutti quelli che hanno ancora mal di stomaco, un arrivederci alla prossima scommessa che, siamo certi, non tarderà ad arrivare.

Non più parole, omai…..

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0