Prima Pagina | Territori | Campanile sera: il nuovo gioco a quiz tra Subbiano e Capolona

Campanile sera: il nuovo gioco a quiz tra Subbiano e Capolona

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Campanile sera: il nuovo gioco a quiz tra Subbiano e Capolona

Campanile sera è un gioco televisivo andato in onda la prima volta il 5 novembre 1959 sul Programma Nazionale della RAI (ora Rai 1). Veniva trasmesso il giovedì sera alle 21 ed era condotto da Mike Bongiorno, Renato Tagliani (poi sostituito da Enza Sampò) ed Enzo Tortora.

 

 

 

 

 

E’ iniziata la guerra dei campanili tra Subbiano e Capolona: “Il mio è piu’ lungo del tuo” – “Si, ma il mio è piu’ antico”. “Si ma il mio comincia per C…quindi va prima del tuo” - “Siete un paese di poveri, lo fate in tre su sedie sgangherate”…

Ho potuto leggere un resoconto dettagliato sul sito SubbianoCapolonanotizie.it

Non sapevo della esistenza di questo giornale on line, dunque gli faccio prima di tutto i miei migliori auguri, rammaricandomi di non averlo mai letto prima. Spero non si offenderà il direttore, se pubblico (questo il link) un resoconto estratto dalle sue pagine. Il giornale di Capolona e Subbiano (ops ho sbagliato l'ordine) dopo l’intervento del sindaco di Capolona Ciolfi, ci racconta una breve intervista telefonica a quello di Subbiano. Ecco un estratto:

“Subbiano, come Comune, esiste dal 1300.  Il comune di Capolona, fino ad epoca recentissima, non esisteva; prima persino la sede era collocata a Castelluccio, oggi frazione; poi venne confinata al primo piano di un orribile caseggiato (non esiste più n.d.r.) che al piano terreno ospitava anche l’esattoria dei signori Carlo e Giuseppa Guadagni; da Castelluccio vennero tre tavole e quattro sedie sgangherate di cui disponevano i tre sacrificatissimi impiegati: Antonio Franzesi, Domenico Donati ed il Segretario.

Ci volle un subbianese, il Comm. Gustavo Soldini compianto, che negli anni ‘60 conferì a questa istituzione una parvenza di civiltà e di ordine. Subbiano è più grande e più popolata. 

E’ stata sede di un importante ospedale, è il riferimento per Carabinieri e Corpo Forestale. Ha una ricchezza di monumenti ed una serie di istituzioni, di iniziative, di associazioni, veramente notevoli.

Per un maggior prestigio di Capolona il Comune di Subbiano può permettersi di indulgere a collocare nella frazione subbianese “Il Pallaio” amministrativamente dipendente dal comune di Capolona, la Scuola Media detta “consortile” e frequentata da una maggioranza di giovani di Subbiano; nonché considerare la piscina, prestigioso impianto sportivo, come qualcosa in comune con il comune di Capolona, mentre tutti sanno benissimo come stanno le cose. 

Noi abbiamo firmato la proposta di legge con assoluta convinzione e ci auguriamo che, nonostante le nefaste chimere che oggi siedono specie nel Palazzo comunale di Subbiano, i cittadini residenti accolgano con favore la proposta unione…”

(L'intervista completa nel sito indicato)

Mi sembra assai difficile partire in questo modo con una proposta di unificazione. Trattare i parenti poveri da parenti poveri, ma sempre ovviamente da ramo cadetto, non è proprio il massimo per l’unità di una famiglia nuova che dovrebbe sorgere dunque su nuove basi.

Anche perché nel segreto dell’urna, i voti non hanno pedigree!  

PS Ai giovani amici di Subbiano e Capolona: l'ironia è la salvezza del mondo. I vostri nonni pensavano che con una risata lo avrebbero seppellito e non avevano torto! 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0