Prima Pagina | Cronaca | De Robertis. “Attivare tutti gli strumenti della Regione perché il seggiolino salva bebé degli studenti di Bibbiena sia messo in produzione e commercializzato”

De Robertis. “Attivare tutti gli strumenti della Regione perché il seggiolino salva bebé degli studenti di Bibbiena sia messo in produzione e commercializzato”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
De Robertis. “Attivare tutti gli strumenti della Regione perché il seggiolino salva bebé degli studenti di Bibbiena sia messo in produzione e commercializzato”

Dalla Vicepresidente del Consiglio regionale l’impegno per un sostegno della Regione all’inizaitiva, “urgente dopo la tragedia di Vada”. Martedì incontro con l’Assessore Ciuoffo.

 

 

“Il seggiolino salva bebé inventato nel 2013 dagli studenti dell’ITIS “Fermi” di Bibbiena, tornato alla ribalta per la tragedia di Vada, non deve rimanere solo la straordinaria intuizione di un gruppo di ragazzi, del loro professore e del tecnico che li ha supportati. Deve diventare presto un presidio di sicurezza nella disponibilità di tutti. Stupisce che ad oggi nessuna azienda abbia voluto investire nella commercializzazione di questa idea”. Lucia De Robertis, vicepresidente del Consiglio regionale, ha le idee chiare su cosa la Regione può fare perché questa intuizione diventi una consuetudine diffusa.

“Come Regione Toscana – spiega -, da tempo attenta a sostenere l’innovazione e l’evoluzione tecnologica del manifatturiero, abbiamo il dovere di favorire, per quanto ci è consentito, la messa in produzione di questo sistema e la sua rapida diffusione. Perché nessuno sforzo è eccessivo se utile a salvare anche una sola vita umana”. “Per questo – aggiunge – ho già chiesto un incontro all’assessore alle attività produttive Stefano Ciuoffo per parlare della questione, a margine dei lavori del Consiglio del 2 e 3 agosto”.

“Siamo la terra del genio di Leonardo – conclude De Robertis - : non possiamo accettare che una straordinaria intuizione non possa diventare un diffuso strumento di aiuto per la collettività.”.

 "Affronterò la questione con Lucia de Robertis - afferma l'assessore regionale alle attività produttive Stefano Ciuoffo - perchè se ci sono le idee per migliorare la vita quotidiana e, come in questo caso, la sicurezza delle persone la Regione è impegnata per accompagnare  il percorso di chi vuole innovare con i vari strumenti che ci sono a disposizione"

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0