Prima Pagina | Politica società diritti | Bianconi torna su Banca Etruria e i conflitti di interesse di Bini Smaghi

Bianconi torna su Banca Etruria e i conflitti di interesse di Bini Smaghi

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Bianconi torna su Banca Etruria e i conflitti di interesse di Bini Smaghi

L'onorevole Bianconi si è scatenato dopo una intervista rilasciata al Corrierone da parte del banchiere. Qui il testo dell'ìntervista.










Immediatamente presentata l'ennesima interrogazione al Presidente del Consiglio. 

INTERROGAZIONE URGENTE A RISPOSTA ORALE
On.M.Bianconi- Al Presidente del Consiglio dei Ministri
                       - Al Ministro dei Rapporti col Parlamento
                       -  Al Ministro dell'Economia e delle Finanze

Per sapere,premesso che:
-Nello scorso mese di giugno ,fu  presentata a mio ministero interrogazione agli stessi ministri qui in epigrafe in relazione a Banca Etruria,ChiantiBanca,dr Bini Smaghi,e alla vicenda che li vede attori e per la quale si interrogavano i ministri per conoscere,fra l'altro,se non si ravvisasse la necessità' di interventi normativi in tema di sistema  di vigilanza bancaria 
,atteso,quanto descritto nella ridetta interrogazione.
In essa si rappresentava che i crediti in sofferenza ,furono acquistati,quattro giorni prima del decreto del governo inerente le quattro banche decotte,a 14,7% del valore ,da società' riconducibile al dr Bini Smaghi ( e ad altri).Valutazione esigua che comportò' che la successiva valutazione generale,operata secondo gli usuali parametri ,determinati  dall'ultima e dalla penultima vendita di crediti in sofferenza ,comporto' la riduzione del montante da esborsare di 800milioni di euro,cifra corrispondente a quanto poi mancante per il soddisfo di tutti i sottoscrittori di obbligazioni subordinate,creando cosi' ,com'era ampiamente prevedibile,il clima di totale sfiducia intorno al sistema ,ma ancor di più' intorno a Banca Etruria.
- Si rappresentava poi che altra società' di cui è' presidente sempre il dr Bini Smaghi era stata nominata advisor della cessione di Banca Etruria,cioè aveva avuto l'incarico di seguire le fasi del negozio,selezionando,modalità',acquirenza,posizionamento e quant'altro avrebbe disegnato il futuro destino del cedendo istituto,"non ravvisando motivi di conflitto di interessi"
-Si rappresentava infine che la società' nominata advisor di Banca Etruria e di cui il dr Bini Smaghi è' presidente ,era socia di ChiantiBanca,istituto sottrattosi all'operazione di variazione delle banche cooperative,e che trasformato in spa era il naturale concorrente ,per  territorio,servizi,tipologia di clientela,di Banca Etruria.
Si rappresentava infine che il dr Bini Smaghi era stato nominato presidente della ChiantiBanca ,concorrente di Banca Etruria.
- In attesa di una risposta ancora non pervenuta,il dr Bini Smaghi ha rilasciato intervista al Corriere Fiorentino ,inserto toscano del Corriere della Sera del 4/7/2016
- in essa si leggono le opinioni del dr Bini Smaghi sullo sviluppo della banca di cui è' Presidente. In particolare esprime la volontà di ChiantiBanca di diventare leader nella regione ( Toscana),di divenire redditizia e di 'crescere' ,puntando alle quote di mercato lasciate libere da MPS e Banca Etruria,divenendo vera banca di territorio della Toscana,"vicina alle aziende,alle famiglie,agli artigiani ,ai propri soci".
- Nella sostanza  sembra di essere in presenza ad un progetto preordinato nel quale colui che presiede l'istituto che che ha come mission anche l'occupazione del mercato di Banca Etruria,newco,per le sue strategie espansive ,è' anche colui  che non solo,volenti o nolenti, ha determinato lo screditamento di Banca Etruria, mediante l'abile operazione di acquisizione crediti in sofferenza al 14,7%,ma è' anche colui che sceglierà' acquirente,modi ,condizioni,prezzo etc di vendita di Banca Etruria.come presidente della società' advisor.
Infine va segnalato che la società' advisor presieduta dal dr Bini Smaghi è' anche socia importante di ChiantiBanca.
-infine non si può' sottacere come il territorio sia di pertinenza e di influenza di importantissimi membri del governo,quali il Presidente del Consiglio,il ministro alle riforme ,rapporti col Parlamento ,pari opportunità' ,sottosegretario alla presidenza del consiglio e di numerosi altri membri del pd e del governo.
- Poiché' le Autorità' di controllo non hanno ravvisato conflitto di interesse,ne' il dr Bini Smaghi ha rilevato problematiche anche etiche di sorta,
1) se non si ritenga di dover intervenire nelle normative che regolano le autorità' di controllo
2) se non si ritenga di rappresentare la grave situazione ingenerata e operare in moral suasion
3) se il governo non abbia in animo qualche tipo di intervento per impedire che questa abnorme grave situazione approdi a conseguenze anche drammatiche
                                   Maurizio Bianconi

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0