Prima Pagina | Politica società diritti | Il cordoglio per la morte di Mario Lorenzetti: la sua “casa” il Consiglio Comunale

Il cordoglio per la morte di Mario Lorenzetti: la sua “casa” il Consiglio Comunale

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il cordoglio per la morte di Mario Lorenzetti: la sua “casa” il Consiglio Comunale

 

 




 

 

 

 

Nota del sindaco Alessandro Ghinelli

La morte di Mario Lorenzetti, storico dipendente e vice-segretario generale del Comune di Arezzo, conferisce a questi giorni una nota di tristezza. Mario Lorenzetti ha accompagnato con competenza e professionalità, nel corso della sua vita, i momenti di passaggio politico e l’avvicendarsi delle amministrazioni. La sua “casa” era il Consiglio Comunale e proprio nell’ambito delle sedi istituzionali l’ho conosciuto e ho avuto anche modo di apprezzare la sua professionalità fin da quando ho assunto per la prima volta un incarico in Giunta

Desidero perciò esprimere la vicinanza ai familiari, personalmente e a nome della città di Arezzo, certo di rappresentare il sentimento di cordoglio di tutti.

Nota di Alessio Mattesini, presidente del Consiglio Comunale

A nome dell’assemblea che presiedo e a nome dell’ufficio di presidenza, mi unisco al cordoglio già espresso dal sindaco alla famiglia per la morte di Mario Lorenzetti.

Il prezioso lavoro di Lorenzetti, a supporto dell’attività di chi era stato eletto democraticamente, all’interno del Consiglio Comunale va adesso valorizzato proprio dalle giovani generazioni che siedono nell’istituzione rappresentativa della città.

Il supporto dei funzionari è importante, a garanzia della legittimità dei lavori consiliari. In questo senso, l’esempio positivo e competente di Lorenzetti resterà per sempre nella memoria di palazzo comunale, di chi mi ha preceduto e del sottoscritto.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0