Prima Pagina | Politica società diritti | Costituzione "Comitato promotore per la Fusione dei Comuni di Capolona e Subbiano"

Costituzione "Comitato promotore per la Fusione dei Comuni di Capolona e Subbiano"

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Costituzione "Comitato promotore per la Fusione dei Comuni di Capolona e Subbiano"

Si è recentemente costituito il "Comitato promotore per la Fusione dei Comuni di Capolona e Subbiano" che, raggiunto il numero necessario di sottoscrizioni ha depositato venerdì 10.06 presso il Consiglio Regionale Toscana un progetto di Legge Regionale per la Fusione dei due Comuni dando così via all'iter che auspicatamente porterà in breve tempo al referendum popolare.

Parla il Portavoce de Comitato Flavio Biondini "Si tratta di un gruppo   di cittadini dei due paesi, che avendo a cuore il bene civico della   comunità, ha sentito il dovere sociale di riunirsi spontaneamente in un   coro sociale, che senza sposare alcuna appartenenza partitica,   promuovesse la assunzione di una veste istituzionale da parte di quello   che è un fenomeno sociale consolidato e sotto gli occhi di tutti. Le   comunità di subbiano e Capolona fanno da tempo parte parte di un unico   ed iscindibile tessuto economico, sociale, culturale ed urbanistico ed è   quindi giusto che questa realtà assuma la veste di un grande Comune   Unico, un ente con il peso e la reale possibilità di tutelare gli   interessi della comunità del basso Casentino, troppo spesso   sottovalutata dall'attuale assetto istituzionale".  

Aggiunge "In questa specifica fase la spontanea fusione dei comuni   permetterebbe di ottenere importantissimi trasferimenti e benefici   economici dallo stato, che permetterebbero il sensibile miglioramento   delle infrastrutture presenti sul nostro territorio (scuole, asili,   presidi sanitari, viabilità, assistenza sociale, opere pubbliche)   imprimendo certamente un trend positivo anche al tessuto ecomico locale,   che non è stato risparmiato dalla crisi che imperversa a livello   nazionale." conclude  "Non solo stiamo ricevendo consensi dalla società   civile e dal mondo associativo, ma speriamo che i Sindaci e le   Amministrazioni dei due Comuni, nel precipuo interesse dei cittadini,   vogliano aderire e supportare la nostra iniziativa in tutte le   competenti sedi, per non perdere l'occasione di attrarre i benefici   economici e sociali che il territorio ricaverebbe dalla fusione."  

Il Progetto di Legge di Fusione, redatto con l'assistenza dell'Avv.   Andrea Santini, è attualmente al vaglio della direzione Servizi   Giuridici e Legislativi del Consiglio Regionale Toscana ed in attesa   della conclusione dell'iter mministrativo, il comitato sta già   organizzando le sedi territoriali per sostenere la tornata referendaria   che chiamerà i Cittadini dei Comuni di Subbiano e Capolona a decidere   sul futuro delle Istituzioni locali e del loro territorio.   

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0