Prima Pagina | Lettere alla redazione | Lettera alla redazione: “San Donato. Polemiche benvenute, ma vivano le eccellenze”

Lettera alla redazione: “San Donato. Polemiche benvenute, ma vivano le eccellenze”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Lettera alla redazione: “San Donato. Polemiche benvenute, ma vivano le eccellenze”

Gentile Direttore, Le scrivo per esprimere un mio punto di vista sulla sanità toscana, in generale, e sullo specifico caso del San Donato di Arezzo, una assoluta eccellenza italiana.

Ricoverata di urgenza martedì 26 aprile, nel giro di 4 giorni ho avuto una accurata diagnosi e un percorso di cura avviato; le cure e la ospedalizzazione si sono svolte ai massimi livelli di ospitalità e confort, per quanto possibile in un Ospedale.

Arrivata in fondo ad un mese di terapie intense, stamani 25 maggio verrò dimessa, a distanza di un mese dal ricovero, con un percorso di cura e guarigione giunto ad una buona metà, ho qualche settimana per rinforzarmi ed affronteremo la seconda parte.

La professionalità e le doti umane del personale medico, infermieristico, assistenziale, fino alle squadre di pulizia, in tutti i reparti che ho dovuto frequentare, quindi neurologia, oncologia, pneumologia, radiologia, e il modulo di continuità assistenziale, sono state evidenti e superiori a qualunque aspettativa.

Non pensi che abbia gli occhi foderati, e che non veda i difetti che pur ci sono; sono politicamente una radicale, lavoro con Emma Bonino, e ho lavorato a lungo con Pannella; in più, sono personalmente molto critica con quello che chiamo "settantennio", cioè quel regime che dal 1945 non ha mai più mollato Regione e capoluogo, e ancor più critica con l'attuale PdC.

Ho trovato però eccessivo il richiamo in prima pagina della Nazione "sanità incubo" del 18 maggio, e sugli approfondimenti di quel giorno e del 23 maggio, si tratta di due casi, che spero bene siano curati e risarciti come devono, ma si perdono in una casistica di migliaia.

La inadeguatezza, o peggio, di Rossi, può essere dimostrata senza ricorrere a truculente parole che gettano allarmismo, sfiducia e percezione del rischio del tutto sconnessa dalla realtà.

La ringrazio per lo spazio concesso e ancora grazie San Donato, vivano le nostre eccellenze!

 

Dottoressa Claudia Sterzi

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00