Prima Pagina | Politica società diritti | Bimbi addio, il Comune ha di meglio da fare

Bimbi addio, il Comune ha di meglio da fare

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Bimbi addio, il Comune ha di meglio da fare

Dichiarazione del consigliere Pd Matteo Bracciali

 

 

Il confronto di stamani in Consiglio comunale ha reso evidente la strategia dell'assessore Tanti e della Giunta Ghinelli: aggredire il sistema di welfare comunale.

La destra ha gettato la maschera e nel peggior modo possibile.

Con le misure annunciate, viene cancellata un'esperienza che, lungo quarant'anni, ha reso Arezzo punto di eccellenza in Italia e non solo.

Tra le macerie di ciò che è stato un eccellente sistema integrato, resterà ben poco: una "ridotta " di nidi a gestione diretta che, in ragione dei criteri di accesso vigenti, verranno progressivamente trasformati in servizi meramente custodialistici ed una pletora di servizi privati poco o per nulla controllati e che genereranno, per gran parte delle famiglie, aumenti pesanti delle rette.

Risultati: dilagheranno irregolarità e precarietà, si ridurrà la qualitàeducativa, aumenteranno i costi a carico delle famiglie, si penalizzeranno brutalmente i genitori ( e, in primis, le madri ) che necessitano di supporto per conciliare cura dei figli ed esigenze professionali e, infine, nel breve volgere di qualche anno, si determinerà un taglio secco e spaventoso dei bambini che accedono ai nidi.

Prima del (solito) gioco delle parti e della tempesta di chiacchiere inutili, Ghinelli e Tanti si pregino di rispondere a quattro precise domande : 1. Su quali presupposti legali essi considerano nella disponibilità dell'attuale maggioranza l'esistenza (o la soppressione ) di una parte così importante dell'azione pubblica? 2. Nel nuovo - annunciato - regime organizzativo, a parità quantitativa di servizio, quanto pagheranno di più le famiglie? 3. Che fine faranno le (realisticamente ingentissime ) economie comunali ? 4. Come verranno presidiate ed assicurate la regolarità e la qualità educativa dei servizi privati?

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0