Prima Pagina | Politica società diritti | Una giornata di sport per combattere le discriminazioni

Una giornata di sport per combattere le discriminazioni

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Una giornata di sport per combattere le discriminazioni

Oltre 160 i partecipanti, per una giornata di festa all’insegna della lotta ai pregiudizi e alle discriminazioni basati sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere attraverso lo sport.



In una splendida giornata di sole, non prevista e pertanto assai gradita, decine di giovani provenienti da Perugia, Firenze e Siena, hanno incontrato le rappresentative aretine. 

Era la quarta edizione di “PLAY PRIDE - lo sport per i diritti”, l'evento promosso da Chimera Arcobaleno Arcigay Arezzo e dal Comitato aretino UISP, con il patrocinio della Provincia di Arezzo e con la collaborazione di Aikido Centro Italia, che fa parte degli eventi aspettando il Toscana Pride, la parata dell'orgoglio LGBT che si terrà a Firenze il 18 giugno 2016. Erano presenti le telecamere di RAI3

Dopo la camminata per le strade della città di sabato pomeriggio, la domenica ha visto 3 tornei con 18 squadre e un'esibizione dimostrativa della disciplina Aikido.

Gino Ciofini del comitato UISP Arezzo ha spiegato che l'inclusione e il rispetto di tutti è tra gli obiettivi della UISP. Quest'anno per la prima volta erano presenti anche squadre di calcetto maschile, tentando di smontare l'alto livello di omofobia ancora presente nel calcio. Erano ragazzi che volevano solo divertirsi senza badare all’orientamento sessuale di chi avevano davanti. C’erano due rappresentative di ragazzi africani, segno che l’integrazione e’ un problema anche per il colore della pelle.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

4.00