Prima Pagina | Politica società diritti | Consiglio Comunale 28 aprile 2016

Consiglio Comunale 28 aprile 2016

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Consiglio Comunale 28 aprile 2016

La Tari - La nuova Magistratura della Giostra del Saracino - La mozione di Egiziano Andreani sui revisori dei conti - La concessione della ristorazione scolastica - La consulta dello sport - La concessione in uso del Teatro Petrarca

Le interrogazioni

Dopo l’omaggio richiesto da Francesco Romizi a Emilio De Giudici, già consigliere comunale nel periodo 1995-2004, recentemente scomparso, e il minuto di silenzio, la prima interrogazione è stata presentata dal consigliere comunale Paolo Lepri sulla tariffa dell'acqua: “durante il Consiglio Comunale del 22 febbraio, il Movimento 5 Stelle ha chiesto spiegazioni sulla determinazione e il calcolo delle tariffe. Per ora nessuna risposta, il che ci fa pensare che gli aumenti paventati siano voci plausibili. All'ultima assemblea di Nuove Acque abbiamo registrato che solo il rappresentante del Comune di Chianciano ha votato contro la ripartizione degli utili. Mentre il Comune di Arezzo ha chiesto un aumento delle indennità per il cda stesso e ha scelto come suo rappresentante una persona di Montecatini. Chiediamo di conoscere le premesse di queste scelte e la loro logica incomprensibile”.

Analoga questione, su Alberto La Penna, attualmente rappresentante di Forza Italia a Montecatini e consigliere comunale, è stata posta da Alessandro Caneschi e Francesco Romizi. Che hanno sottolineato: “dove sta la competenza di questa persona sul servizio idrico? Quale mandato avrà dal Comune di Arezzo? La Penna è stato insegnante, addetto stampa al comune di Pistoia, consulente a Roma su servizi telematici, collaboratore di eventi culturali e trasmissioni televisive. Il Comune di Arezzo ha chiesto peraltro che assuma la carica di presidente vicario del cda, figura prevista dalla statuto di Nuove Acque ma a cui non è stato fatto ricorso in passato. E che dire dell’indennità? L’assessore Alberto Merelli ha proposto, per La Penna, 20.000 euro lordi annui, anziché 8.000 come adesso. Una proposta che già il fatto di avere avanzato è inconcepibile. Questa amministrazione sceglie ancora un non aretino per un posto chiave. Infine: arriverà da Nuove Acque nelle casse del Comune un tesoretto. Come verrà utilizzato?”.

Il sindaco Alessandro Ghinelli: “preciso subito che Alberto La Penna non rinuncia ad alcun mandato. E vengo al merito della questione: l'amministrazione comunale necessita di soggetti con i quali intrattenere un rapporto diretto, soggetti che nel tempo dovranno rispondere del loro operato. Mi pare dunque che sia nella logica delle cose che con tali persone esista un rapporto fiduciario. E il curriculum di La Penna è importante: sindaco, assessore, presidente Apt, vice-presidente Asl, vicepresidente Fondazione mediateca toscana. Ma soprattutto: assessore all'ambiente e ai lavori pubblici che ha lavorato nell'organizzazione di società partecipate e all'affidamento del servizio di acqua pubblica ai privati. Montecatini fu in tal senso il primo Comune in Toscana nel 1998. Il fatto che non sia aretino non rileva”.

Sull'emolumento è intervenuto l'assessore Alberto Merelli: “la proposta di presidente vicario è stata approvata dal cda, sarà la prima volta che questa figura si palesa ma è pur sempre una previsione statutaria. Al secondo punto all'ordine del giorno c'era la questione di compensi. La proposta che ho fatto era quella di assegnare al presidente vicario la metà dei 32.000 euro che percepisce il presidente: 16.000 euro. E 4.000 euro ai consiglieri. Non capisco dunque da dove sia uscita la cifra di 20.000 euro. Nuove Acque ha un valore di attivo patrimoniale e una consistenza tali da fare ritenere che 12.000 euro siano un costo non incidente. Preciso che tali costi del cda non ricadrebbero comunque nella tariffazione del servizio idrico”.

Francesco Romizi: “il 30 aprile un'associazione cittadina ha organizzato la presentazione di un libro su Almirante e pare che il sindaco vi partecipi in forma ufficiale. Arezzo è medaglia d'oro alla Resistenza, il 25 aprile sono stati premiati i partigiani aretini protagonisti della liberazione della città. E dopo cinque giorni da questa ricorrenza, arriva un libro su un rappresentante del partito nazionale fascista. È stato deliberato dalla Giunta il patrocinio all'iniziativa? Non lo ritiene inadeguato, sindaco, partecipare a un evento del genere?”.

Il sindaco Alessandro Ghinelli ha ricordato che il patrocinio non è stato concesso, “perché l'amministrazione non fa da sponda a iniziative di chiara connotazione politica: non lo riteniamo opportuno. In merito all'evento in sé, andrò come spettatore, non in veste di sindaco. Almirante è stata una figura politica, segretario di un partito, un personaggio storico che ha caratterizzato la vita dell'Italia post-bellica. Sui locali comunali posso dire che la Sala Rosa è a disposizione di chi la chiede, il Comune è la casa di tutti, così come la libertà di parola su un qualsiasi personaggio”.

Paolo Lepri: “chiedo se sia vera la notizia di un futuro parcheggio multipiano alla Cadorna. E quali politiche intende mettere in campo la Giunta sui parcheggi multipiano in generale?”.

Ancora Alessandro Ghinelli: “il ragionamento è complesso e riguarda il problema della scarsità di posti auto nel centro storico. Quando mi è stato chiesto in un'intervista un parere su come incrementare quelli alla Cadorna, ho espresso un'opinione sul sistema complessivo dei parcheggi cittadini. Quando sarà pubblico il Piano della sosta di questa amministrazione, sarà chiaro che vogliamo ridurre l'accesso veicolare alla zona di pregio della città. Siamo altresì convinti che dobbiamo trovare alternative valide a tali limitazioni e queste possono essere parcheggi a contorno di questa zona di pregio. Ecco perché vogliamo riacquisire il Baldaccio, ecco perché vogliamo pensare in modo approfondito a come gestire bene la ex Cadorna. Siccome però quest'ultima diventerà polo attrattore di sosta anche per il trasferimento degli uffici comunali, il rischio è che lo spazio attuale sia insufficiente. In più, non possiamo trascurare la domanda di sosta dei residenti. Perché allora non pensare a un multipiano, concepito come una struttura comunque poco impattante. Penso infatti a un parcheggio con tre piani, uno sotterraneo, uno a raso e uno sopraelevato”.

Alessandro Caneschi sul parco di via Emilia: “chiedo aggiornamenti sullo stato dei lavori in quest'area. Li ha completati la ditta aggiudicataria o è vero che per concluderli sono intervenute altre ditte? E soprattutto: quando i cittadini potranno usufruirne di nuovo?”.

Il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini: “attualmente sono indietro i lavori sul parcheggio limitrofo. Ma entro fine maggio tutto sarà completato”.

Donato Caporali: “le giornate sul decoro urbano erano promosse dal Comune nei mesi primaverili e autunnali, articolate in due eventi. Vi partecipavano associazioni, scuole e cittadini nel recupero di zone degradate. Che fine faranno? È in progetto di replicarle quest'anno?”.

Il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini: “ho ricevuto varie richieste, da Legambiente, Oklahoma University, scuole, per iniziative relative alla pulizia e riqualificazione di parti della città. Le abbiamo evase tutte, alcune sono tuttora in corso”.

Ancora Donato Caporali ha rilevato come ci sia stato un'allarmante crescita del fenomeno della processionaria “che sta assumendo caratteri di emergenza sanitaria. Occorre immediatamente intervenire, per quest'anno sarà difficile contenerlo per cui mi auguro che negli anni a venire sia affrontato in tempo”.

“Quest'anno in effetti – ha sottolineato Gianfrancesco Gamurrini – la situazione è eccezionale.  Siamo intervenuti in tutte le scuole e anche nei parchi, nonostante la carenza di risorse. Stessa attenzione non è stata dimostrata dai privati. Si tratta dunque di interventi che o fanno tutti oppure è un problema. Ci sono peraltro tecniche innovative di intervento che contiamo di mettere in campo per i prossimi anni”.

Ancora Donato Caporali: “torno sulla questione della terza Giostra: nessun organo competente del Vaticano è stato investito della questione. Ci risulta che l'arcivescovo di Arezzo avrebbe risposto per iscritto rilevando però il carattere laico e non religioso dell'evento. Chiediamo di visionare tutta la corrispondenza intervenuta tra il Comune e gli uffici ecclesiastici locali e romani”.

Ultima interrogazione di Donato Caporali: “torno sull'ex personale della provincia di Arezzo ora nella disponibilità del Comune. Chiedo che strategia di impiego abbia questa amministrazione e come questo personale verrà dislocato. Per ora mi pare ci sia solo un contenzioso con Cortona”.

L'assessore Barbara Magi: “sulla base delle norme regionali, il personale è stato trasferito ai capoluoghi di provincia. Dal primo gennaio ci sono tre unità di personale al Comune di Arezzo per il turismo. Erano sempre state impiegate al front office di Cortona. Abbiamo chiesto alla Regione altro personale per il turismo perché le province toscane hanno in generale usufruito di incrementi molto consistenti”.

Paolo Lepri: “nel giugno 2014, la scuola materna Orciolaia denunciava l'inadeguatezza degli strumenti antincendio. A distanza di quasi due anni siamo ancora con gli estintori fuori servizio. Abbiamo poi avuto nelle scuole i riscaldamenti accesi, nonostante i solleciti del personale scolastico, fino al 19 aprile. Perché queste situazioni? Se è vero che molti impianti di riscaldamento degli asili dipendono da centrali fuori provincia è anche vero che tale situazione comporta anche un esborso per le casse comunali”.

“Per ciò che riguarda gli impianti antincendio – ha sottolineato il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini – abbiamo pubblicato una gara per la loro sistemazione che avrà luogo nel periodo estivo. Così come sempre in estate sostituiremmo le valvole statiche dei termosifoni. Vero è che i termosifoni sono rimasti in funzione fino al 19 aprile ma abbiamo abbassato le ore di accensione”.

Ancora Paolo Lepri: “come è stato scelto il vice-comandante della PM? Quali criteri sono stati privilegiati visto che ci sono ispettori con maggiore anzianità di servizio?”.

Il sindaco Alessandro Ghinelli: “la nomina è stata fatta dalla ex comandante Valeria Meloncelli prima di lasciare l'incarico ed è stata confermata dal nuovo comandante. Chiederò in merito una relazione. L'affidamento di un incarico del genere non è tuttavia legato solo all'anzianità di servizio come sembrerebbe rilevare dall'interrogazione. Stiamo infatti mettendo in atto per la polizia municipale un disegno complessivo che ci consentirà di svuotarla dei compiti amministrativi per un impegno diretto degli agenti sul territorio”.

Ancora Paolo Lepri: “abbiamo constatato che alcuni ambulanti non sapevano dello spostamento del mercato di via Giotto dal sabato alla domenica in occasione del Giro d'Italia. E anche chi ne era informato ci ha manifestato grande contrarietà. I mercati domenicali non hanno riscontri positivi per gli ambulanti, inoltre molti sono impegnati in mercati di altre città e non potranno essere ad Arezzo il 15 maggio. Gli ambulanti hanno chiesto che il mercato sia confermato di sabato e chiuso alle 12,30. Si tratta di una richiesta formulata da 100 operatori, la quasi totalità di quelli che partecipano in via Giotto il sabato mattina”.

“Vengo al corrente adesso di questa raccolta firme – ha rilevato l'assessore Marcello Comanducci – e capisco il punto di vista degli ambulanti. Teniamo conto però che non è possibile non spostare il mercato in occasione del Giro d'Italia. A detta di organizzazione e polizia municipale era l'unica scelta possibile”.

L'assessore Lucia Tanti: “anche altre zone della città, indipendentemente dal passaggio dei ciclisti e dall'orario, saranno investite da una regolamentazione molto ferrea. Siamo disposti a qualsiasi approfondimento, è vero che si tratterà per alcuni di un giorno di disagio, ma si misurano i fatturati nell'arco di un anno”.

Ultima interrogazione di Paolo Lepri sulla Valli Zabban: “durante l'incontro di ottobre a San Leo avete promesso di studiare soluzioni per una nuova localizzazione dell'impresa. Tutte le mattine gli abitanti aprono le finestre e sentono odori sgradevoli. Gli impianti dovevano essere messi a regola fin dal settembre dell'anno scorso. Quando verranno installati i pannelli che rilevano i livelli di inquinamento e quali atti sono stati intrapresi per il registro dei tumori e quando ne è prevista la stesura?”.

“Abbiamo avuto ripetuti incontri con la proprietà, ovviamente la cosa richiede del tempo, noi abbiamo proposto alcune nuove localizzazioni, la proprietà sta valutando”. Così l'assessore Marco Sacchetti.

Francesco Romizi: “i cittadini della zona di Trento e Trieste lamentano degrado e sporcizia. Quali azioni intende intraprendere l'amministrazione per contrastare questi fenomeni?”.

“Ho ricevuto i rappresentanti dei commercianti e degli abitanti della zona – ha ricordato l'assessore Barbara Magi – per loro e per la città c'è in progetto lo sviluppo di un sistema di videosorveglianza. Delle 90 telecamere presenti quando ci siamo insediati, molte o non funzionavano o mandavano immagini poco chiare. Adesso è stato unificato il sistema di trasmissione, le telecamere funzionano e il comando è la sala operativa della PM. In collegamento con la polizia e i carabinieri. L'idea è incrementarne il numero ma vorremmo anche studiare la possibilità che le telecamere installate dai privati siano compatibili con il nostro sistema. C'è poi l'aspetto dell'illuminazione da integrare con le telecamere”.

Matteo Bracciali: “si è diffusa l'idea di un museo dell'Arezzo Calcio, da allestire in alcuni locali dello stadio. Il progetto renderebbe la cittadella dello sport area attrattiva non solo sotto l'aspetto sportivo. Sarebbe un impegno a corto zero per l'amministrazione”.

Ancora Matteo Bracciali: “sono solo parole. Mi pare lo slogan migliore per Piero della Francesca. A Forlì hanno costruito su due quadri un grande evento e mi chiedo perché Arezzo non si faccia parte di un percorso di promozione. Che genere di collaborazioni stiamo mettendo in atto?”.

“Nell'anno in corso – ha sottolineato l'assessore Marcello Comanducci – il Comune di Arezzo è tornato a partecipare ai tavoli del consorzio Terre di Piero e si stanno creando ottime opportunità. Tipo la Card di Piero che potrà permettere di accedere ai siti pubblici e privati dove sono presenti opere dell'artista. Siamo arrivati agli ultimi atti formali, a breve partirà questa promozione dove le quattro regioni coinvolte hanno investito importanti risorse”.

“Due punti – ha sottolineato il sindaco Alessandro Ghinelli – che mi preme ricordare: alcune iniziative non sono state rese ancora pubbliche in quanto non ancora formalizzate. Mi pare dunque corretto parlarne a giochi fatti. Secondo aspetto: nell'anno di Piero, la mostra di Forlì si regge sulla Madonna della Misericordia, della seconda opera, di cui si fa riferimento nell'interrogazione, è discussa l'attribuzione. Il Comune di Sansepolcro, dunque, ha spedito un'opera nella sua disponibilità a Forlì. Questo mentre l'altro capolavoro, la Resurrezione, è in restauro. Se anche avessimo voluto creare un percorso integrato, mi pare che sarebbe venuto meno un bel tassello. Le risorse economiche messe a disposizione da un istituto di credito romagnolo per la mostra di Forlì, ammontano a 2 milioni di euro. In questo momento un contributo così per un evento ad Arezzo non può esserci. Non per colpa nostra. Il percorso è in salita ma lo stiamo percorrendo. Ultima annotazione: sono andato a vedere la mostra di Forlì, da privato cittadino nonostante sia stato nominato nel comitato d'onore. Ho lasciato un commento: bella mostra ma sul Novecento italiano, tuttavia, per vedere Piero della Francesco andate ad Arezzo nella cappella Bacci”.

Luciano Ralli: “chiedo che siano controllati tutti gli adempimenti previsti dalle normative su trasparenza e anti-corruzione e che riguardano gli amministratori. Dal sito comunale non si riesce a cogliere se gli adempimenti siano stati tutti svolti sopratutto per i rappresentanti delle società partecipate”.

Ancora Luciano Ralli: “sono una decina di anni che la delibera sulle nomine dei rappresentanti dell'amministrazione in enti e partecipate implica che sia bandito un avviso pubblico per evidenziare le aziende i cui cda vanno a termine in modo tale che i cittadini sappiano che possono mettersi a disposizione con competenze e curriculum. Naturalmente il sindaco è libero di usufruire o meno di questo elenco di possibili candidati ma il Comune deve applicare tale norma ed esporre l'avviso pubblico. È stato fatto?”.

Francesco Romizi: “l'allargamento della maggioranza con il Fronte Nazionale. Segretario di questa formazione politica è Adriano Tilgher, già capo di Avanguardia Nazionale. La maggioranza si è divisa, abbiamo letto note ufficiali, esponenti che sul web si smarcano. Il Fronte Nazionale fa parte o no della maggioranza? Se sì, quali conseguenze programmatiche porterà?”.

“Sono costretto a ripetermi – ha concluso il sindaco Alessandro Ghinelli – le scelte personali del consigliere comunale che ha lasciato la Lega per un altro partito non mi riguardano. Quello che mi riguarda è il patto di legislatura con quattro liste: Ora Ghinelli, Fratelli d'Italia, Forza Italia, Lega. Fronte Nazionale non c'è. E non potrebbe essere diversamente”.

La Tari

Sulla Tari, l'assessore Alberto Merelli ha ribadito la bontà della scelta compiuta dall'amministrazione di internalizzare il servizio di riscossione. Per il 2016 restano inalterati le 35 categorie merceologiche e i relativi coefficienti di determinazione della tariffa. Analogamente inalterati i coefficienti per le utenze domestiche. “Dunque, a coefficienti invariati, essendo diminuito il costo totale del servizio, proporzionalmente diminuiscono le tariffe per ciascuna categoria. Primo segnale di un'inversione di tendenza”.

Alcune modifiche sono state inoltre introdotte nel regolamento comunale sulla Tari per adeguarlo ad alcune previsioni legislative nazionali: il termine per la presentazione della denuncia di possesso dell'unità immobiliare è adesso variabile, 60 giorni dall'inizio del possesso stesso. È introdotta l'esenzione dal tributo per immobili senza allacciamenti alle utenze ma comunque ammobiliati: nel testo precedente dovevano essere privi di mobili. Riduzione della tariffa per macellerie e pescherie in relazione alla sola superficie dei laboratori dov'è la produzione di rifiuti di origine animale.

La nuova Magistratura della Giostra del Saracino

Il Consiglio Comunale ha nominato la nuova Magistratura della Giostra del Saracino. Il precedente mandato era terminato il 31 dicembre scorso. La Magistratura è composta da 9 membri e resta in carica 3 anni, il mandato di magistrato può essere rinnovato consecutivamente una sola volta. Rispetto al precedente collegio, il nome nuovo è Ivana Ciabatti. Ecco la composizione della magistratura: Antonio Bonacci, Ivana Ciabatti, Carlo Cigna, Marco Dioni, Abramo Guerra, Marcello Lazzeri, Alberto Melis, Assuero Pieraccini, Leone Provenzal.

Mozione di Egiziano Andreani sui revisori dei conti

Mozione del consigliere Egiziano Andreani per una proposta di modifica dell’estrazione dei revisori contabili per le amministrazioni degli enti locali. Andreani ha chiesto alla Giunta di “impegnarsi a trasmettere ai parlamentari questo atto per rivolgere loro l’invito ad attivarsi nelle sedi istituzionali competenti, al fine di modificare la normativa che disciplina la scelta dei revisori dei conti, mediante estrazione da un elenco nel quale siano iscritti soggetti a livello provinciale, anziché regionale, consentendo così la convocazione dei revisori che sono territorialmente più vicini all’ente locale”. Dato che “quando l’amministrazione comunale convoca un revisore dei conti, individuato con il sistema indicato, ambito regionale, spesso accade che non si presenti, come accaduto alcune volte in occasione di consigli comunali, per gli enti locali avere dei revisori prossimi al territorio di competenza, comporta sicuramente una maggiore presenza degli stessi e un maggiore coinvolgimento nelle fasi amministrative che si traduce in una migliore amministrazione dell’ente, salvaguardando sempre il principio di estrazione a sorte quale modello di imparzialità e terzietà”.

Nel dibattito è intervenuto il presidente del collegio dei revisori dei conti che ha rivendicato l'autonomia del collegio, non inficiata della provenienza geografica dei suoi membri, e la sua operatività anche senza la presenza diretta in aula.

Sono intervenuti alcuni consiglieri tra i quali Luciano Ralli che ha rilevato come “la legge in questione ha fatto compiere passi avanti rispetto ad alcuni anni fa. Ricordo comunque che le pratiche all'ordine del giorno devono essere complete, anche del visto del collegio revisore. Quelle che non lo hanno non dovrebbero essere iscritte”.

La mozione è stata approvata con 18 voti favorevoli e 10 astenuti.

La concessione della ristorazione scolastica

Il Consiglio Comunale ha approvato con 22 voti favorevoli e 2 astenuti la delibera proposta dall’assessore Lucia Tanti relativa al bando con doppia procedura di assegnazione: innanzitutto la concessione triennale del servizio di ristorazione scolastica a decorrere dall’anno 2016/2017. Esso riguarda: 173.000 pasti annui per gli alunni delle scuole dell’infanzia statali, 205.000 pasti annui per gli alunni delle scuole elementari, 7.500 pasti annui di competenza del Comune di Arezzo per gli alunni delle scuole medie. Per elementari e medie si tratta di scuole statali.

La seconda procedura riguarda l’appalto per il servizio di fornitura degli 80.820 pasti per gli utenti dei nidi comunali e degli 81.000 pasti per gli utenti delle scuole dell’infanzia comunali, il servizio di fornitura di pasti al personale docente e non docente delle suole comunali, il servizio di fornitura periodica e diretta di alimenti necessari a preparare colazioni e merende presso alcune strutture scolastiche sempre comunali.

“I punti cardine – ha sottolineato Lucia Tanti – sono la durata triennale e non più quinquennale del servizio centro unico di cottura. Poi: qualità dell’alimentazione per gli alunni, che è fattore educativo e di salute, e risparmio per le famiglie. La qualità del cibo verrà perseguita cercando di valorizzare prodotti a chilometro zero e biologici. E al cibo non consumato verrà prestata particolare attenzione: quello che neanche è arrivato nei piatti dei ragazzi verrà distribuito alle persone più bisognose. Quello che resterà nei piatti, verrà offerto a cani e gatti. Comunque nessuna dispersione o getto nel secchio. Veniamo al risparmio: obiettivo di questa operazione è arrivare nei prossimi tre anni a un unico centro di cottura che rifornirà le 58 scuole del territorio. E per le famiglie con un figlio alle scuole statali entra in vigore il principio, già valido per elementari e medie, ‘paga chi mangia’ anche alle materne. Con un abbassamento della quota di iscrizione annuale da 53 a 20,85 euro grazie anche a punti specifici del bando come il forfait per le utenze per l’impresa vincitrice di 50.000 euro annui e i 30.000 euro minimi di investimenti da garantire”.

“Leggendo la relazione sulle prospettive future – ha sottolineato Paolo Lepri – si coglie perché si sceglie il bando e non la fornitura diretta del servizio. La gestione diretta è sempre quella che garantisce maggiori controlli e l'amministrazione avrebbe dovuto optare per questa strada, le risorse ci sono”.

“Non è possibile – ha replicato l'assessore Lucia Tanti – in virtù delle leggi nazionali che regolano le assunzioni di personale”.

La consulta dello sport

“Arezzo vanta una grande tradizione sportiva mentre il Comune ha come obiettivi strategici la promozione delle associazioni sportive”. Così l’assessore Lucia Tanti ha introdotto la delibera istitutiva della Consulta comunale dello sport, organo con funzioni di sostegno nella definizione degli indirizzi relativi alle tematiche sportive. “La pratica sportiva – ha aggiunto Lucia Tanti – è, da un punto di vista individuale, un’opportunità di crescita, di educazione non coercitiva al rispetto delle regole e di coesione umana e sociale. Da un punto di vista più generale, essa consente la valorizzazione di spazi comuni che vengono così restituiti al decoro e all’utilità sociale e di cui va concertata la razionalizzazione del loro orario di utilizzo. Mentre sta emergendo con forza un ulteriore aspetto legato al fatto che le manifestazioni sportive sono un volano di crescita di uno specifico segmento turistico. Grazie allo sport aretino si contano migliaia di presenze a cadenza quasi settimanale. Con questa consulta possiamo dire che c'è un prima e un dopo nella storia dello sport cittadino e della sua funzione”.

Due gli emendamenti proposti da Luciano Ralli e Francesco Romizi: per il primo la consulta dovrà essere convocata almeno due volte all'anno, per il secondo composta anche dai soli  rappresentanti di associazioni e categorie turistiche. Il primo è stato fatto proprio dall'assessore ed è entrato nel corpo della delibera, voto contrario per il secondo.

“Nei due anni di esperienza da assessore – ha dichiarato Francesco Romizi – ho visto lo sport come elemento non divisivo. Un organismo del genere esisteva nei primi anni Novanta poi non è stato più riunito. In una fase come questa, con poche risorse, il mondo sportivo richiede almeno attenzione e condivisione dei problemi. Molte associazioni sportive organizzano sagre per raccogliere fondi per gli impianti, di sicuro in questa consulta verranno fuori anche questi temi”.

“I membri di estrazione consiliare – per Paolo Lepri – pongono alcuni problemi di rappresentanza. O l'organismo si configurava esclusivamente come tecnico o se c'è questa previsione, tre non rispecchiano l'articolazione dell'assemblea e sembrano già assegnati in questo senso: due alla maggioranza e uno all'opposizione. Ma di opposizioni ce ne sono varie”.

“E gli altri consiglieri comunali – ha aggiunto Massimo Ricci – non possono neppure partecipare alle sedute della consulta senza diritto di voto, come previsto per altri soggetti, tipo gli assessori”. Per introdurre questa fattispecie Ricci e Lepri hanno presentato uno specifico emendamento.

Federico Scapecchi: “si tratta della Consulta dello sport e non di una commissione consiliare. La presenza di assessore e consiglieri comunali, così come previsti, ci sembra sufficiente. La presenza della politica deve essere minima per dare maggiore voce a chi fa sport”. Analoghe considerazioni del consigliere comunale Angelo Rossi.

I consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle hanno poi ritirato il primo emendamento perché è stato fatto proprio dall'assessore Tanti un loro secondo emendamento che è entrato nel corpo della delibera e che ha escluso i tre consiglieri comunali dai membri della consulta.

La scomparsa dei membri del Consiglio Comunale, “restando solo l'assessore come rappresentante politico”, ha indotto Francesco Romizi ad astenersi.

La Consulta comunale dello sport è composta dall’assessore delegato, che ne assume la presidenza, dal delegato provinciale del Coni e da un rappresentante designato dalle società e associazioni sportive aventi sede nel Comune di Arezzo. La consulta ha la stessa durata del mandato del Consiglio Comunale. La consulta si dota di un comitato esecutivo presieduto sempre dall’assessore allo sport e composto da un minimo di 3 a un massimo di 5 membri e che si riunisce almeno una volta a bimestre.

La concessione in uso del Teatro Petrarca

Approvata dal Consiglio Comunale la delibera avente a oggetto il regolamento per la concessione a uso temporaneo dei locali del Teatro Petrarca.

Potranno usufruire della concessione, soggetti pubblici e privati purché l’uso dei locali sia finalizzato allo svolgimento di spettacoli teatrali, musicali o coreutici, delle attività educative e culturali connesse e con la totale esclusione di attività politiche o partitiche, dai comizi, ai congressi di partito a manifestazioni politiche di qualsiasi genere.

La concessione sarà a titolo oneroso, il corrispettivo dovuto comprenderà la tariffa per la concessione, le spese relative alle utenze e il deposito cauzionale. Il richiedente dovrà farsi carico di altre spese come macchinista ed elettricista e di incombenze come garantire la presenza dei vigili del fuoco durante le iniziative e provvedere ai service audio-visivi, agli impianti fonici e di illuminazione, alle pratiche Siae ed Enpals.

La concessione prevederà oltre alla sala e ai locali di servizio, l’uso dell’energia elettrica, le pulizie, la climatizzazione dei locali. Potrà essere richiesta sia l’intera struttura che la sola platea esclusi i palchi, oppure il resede esterno al teatro. L’organizzazione di cocktail o rinfreschi o la somministrazione di cibi e bevande è consentita soltanto nel suddetto resede o nello spazio bar.

I membri della commissione cultura hanno presentato un atto di indirizzo per invitare la Giuntaa ridurre le tariffe del Petrarca in via sperimentale fino al 31/12/2017: spazi interni del teatro da 2.000 euro a 1.500. Solo platea da 1.400 a 1.000 euro, parte esterna da 925 a 700 euro.

Angelo Rossi: “un atto di indirizzo che si è reso necessario perché la commissione è stata commissariata dagli uffici in quanto aveva già deliberato una riduzione del 25% delle tariffe del Petrarca”.

Francesco Romizi: “lo vogliamo ricordare, come dato politico, che dopo un anno circa Arezzo non ha un assessore alla cultura e che il sindaco tiene per sé questa delega?”.

Matteo Bracciali ha posto la questione dell'attività convegnistica di soggetti associativi. “È consentita o meno con questo regolamento?”.

Il vicesindaco Gianfrancesco Gamurrini ha ricordato che l'attività citata da Bracciali, del tipo del convegno Acli dello scorso anno, è permessa. “Ricordo inoltre che le tariffe sono di competenza della Giunta, non a caso è stato presentato un atto di indirizzo che la Giunta stessa valuterà”.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0