Prima Pagina | L'opinione | Cambiare tutto per non cambiare niente

Cambiare tutto per non cambiare niente

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Cambiare tutto per non cambiare niente

La [richiesta di] nomina del vicepresidente vicario di Nuove Acque e la richiesta dell'ass.Merelli di aumento di appannaggio del 120% evidenzia alcuni dati:

a) Forza Italia (partito del nominato) si dimostra sensibile agli interessi particolari (aumento di appannaggio), piuttosto che alle pubbliche necessita' è interessata alle poltrone (uomo di partito estraneo al contesto) piuttosto che ai bisogni della comunità' .

b) il sindaco dei cittadini, lontano dai partiti e campione dell'operosa società' civile, alla prima curva e' sbandato in collo alla peggior clientelismo partitico e nelle pratiche della partitocrazia, consentendo anche richieste di maggiore spesa del pubblico denaro per ingrassare prebende ai funzionari di partito

c) il gran dibattito fra acqua pubblica e acqua privata  si è' risolto per i cittadini con un costo esorbitante del servizio (difetto del sistema privato) e con pratiche clientelari sfrontate e costose (difetto del pubblico) .

Così' al primo scoglio si infrange la millantata diversita' di "Ora c'e' Ghinelli' .

Ci fosse stato Bracciali,o Vannucci ,o Ricci ,o Lucherini non sarebbe andata diversamente.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0