Prima Pagina | Economia e lavoro | Nicastro al Financial Times: 26 richieste di acquisto

Nicastro al Financial Times: 26 richieste di acquisto

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Nicastro al Financial Times: 26 richieste di acquisto

Nicastro, presidente dei nuovi istituti, rivela al Financial Times i particolari sull'operazione in corso. Le richieste da banche e assicurazioni e soprattutto estere.

 


Ci sono al momento 26 potenziali acquirenti per le quattro ‘good bank’.

Lo dichiara Roberto Nicastro in un intervista al Financial Times, aggiungendo che la maggior parte degli investitori interessati sono fondi di private equity e che il governo italiano era già al corrente dal 22 novembre scorso, che per la prima volta gli istituti di credito italiani si sarebbero trovati di fronte a questa tipologia di investitore.

A chiarire il concetto sono i giornalisti Rachel Sanderson e Martin Arnold del Financial Times, secondo i quali “Nicastro ha detto di aver verificato come precondizione, prima di accettare il lavoro di vendere gli istituti di credito in bail-out, che il governo fosse preparato ad accettare che sarebbe stato il primo rilevamento di una banca italiana da parte di un fondo di private equity”. Il manager ha poi dichiarato che tra i possibili acquirenti in corsa ci sono anche banche e assicurazioni, in gran parte dei casi dall’estero.

“Vedere al prezzo di listino è un’opzione – sono le parole di Nicastro riportate dal Financial Times -, ma il prezzo migliore vincerà. Io sono incaricato di vendere. Devo massimizzare l’importo ma non c’è un prezzo base”. Nei prossimi giorni verrà inviato un memorandum informativo a tutti i 26 acquirenti interessati. Nicastro ha aggiunto che dovrà ultimare il lavoro entro la fine dell’estate, “dopo aver ricevuto – spiega il Ft – un ristretto margine di tempo dai funzionari europei per vendere banche con un assetto totale combinato di 25 miliardi, equivalente alla decima più grande banca italiana”.

Intanto continuano le indiscrezioni sull'intervento sui rimborsi. Il Sole24ore anticipa a grandi linee il contenuto: chi ha acquistato obbligazioni subordinate prima 1 agosto 2013, ossia quando la Commissione europea ha introdotto il principio del burden sharing, seguito poi all’inizio del 2016 dal bail in, potrà ottenere automaticamente il suo indennizzo, che sarà comunque parametrato al reddito e all’entità dell’investimento effettuato. Per i clienti delle quattro banche fallite che invece hanno sottoscritto obbligazioni dopo il 1° agosto si seguirà la procedura dell’arbitrato. La cui gestione sarà affidata all’autorità anticorruzione presieduta da Raffaele Cantone.

Questo sarebbe l'accordo a cui il governo italiano sarebbe arrivato con l'autority europea per la concorrenza, per evitare l'accusa di aiuti di stato.  

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0