Prima Pagina | Politica società diritti | Macrì: “Accanto ai risparmiatori truffati: dal primo minuto fino al fischio finale”

Macrì: “Accanto ai risparmiatori truffati: dal primo minuto fino al fischio finale”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Macrì: “Accanto ai risparmiatori truffati: dal primo minuto fino al fischio finale”

 

 

La vicenda Banca Etruria si arricchisce di un ulteriore momento di protesta, giovedì 14 aprile. E noi come Fratelli d’Italia ci saremo. Stavolta anche con le nostre bandiere. Accanto ai risparmiatori truffati che abbiamo difeso fin dal primo minuto di questa ignobile storia. Prima il connubio tra gestione precommissariale e Governo, poi una banca che nella sua radice originaria si definisce popolare e che contraddice la sua ratio fondante, poi ancora i vertici che rastrellano investimenti in azioni e obbligazioni, perché pretendono di giocare partite importanti a livello nazionale, e fanno affidamento sui clienti, che ovviamente si fidano, infine la beffa per questi ultimi che hanno visto violati impegni formali e soprattutto quel patto etico imprescindibile che li legava alla, presunta, banca del territorio. Il tutto sotto la manica larga degli organi di controllo e vigilanza che hanno mostrato limiti e conflitti d’interesse.

Una storia che abbiamo subito scoperchiato organizzando una convention senza alcun simbolo di partito, perché la volevamo trasversale, di tutte le forze politiche a difesa dei cittadini. Un intento riuscito a pieno perché, eccetto il Pd per sua manifesta volontà, e avrei voluto vedere, tutti hanno potuto sentirsi rappresentati.

Una storia che abbiamo subito scoperchiato portando l’attenzione dei media nazionali su Arezzo, per giorni. Questa opera di “lobbyng” politico e mediatico ha dato i suoi frutti e in Parlamento stanno per essere definite forme di rimborso cospicue. Ma vogliamo mantenere alta la guardia ben oltre il 90°, perché non sia mai che il tempo di recupero riservi spiacevoli sorprese. Saremo soddisfatti, infatti, solo quando saranno risarciti coloro che hanno subito la truffa.

Più che le vicende giudiziarie, per le quali la magistratura farà il suo corso e sulle quali non è lecito interferire, a noi interessa un dato politico e civile: e cioè che alcuni partiti e il governo hanno legittimato l’operato dei cda bancari mentre alcuni partiti ci sono fermamente opposti contro questo intento. E che alla comunità violata devono essere restituite fiducia e sicurezza. Noi le saremo accanto in ogni forma possibile fino alla fine.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0