Prima Pagina | Politica società diritti | Mattesini: “Primo passo importante per il contrasto alla sottrazione dei minori portati illecitamente all’estero”

Mattesini: “Primo passo importante per il contrasto alla sottrazione dei minori portati illecitamente all’estero”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Mattesini: “Primo passo importante per il contrasto alla sottrazione dei minori portati illecitamente all’estero”

Approvata all’unanimità dal Senato una mozione per l’istituzione di un coordinamento tra Ministeri per il contrasto alla sottrazione internazionale di minori

 

“L’ approvazione di questa mozione sulla sottrazione internazionale dei minori, 849 secondo le cifre ufficiali, voluta fortemente da tutto il Parlamento con l’appoggio favorevole del governo, è la dimostrazione di una nuova attenzione da parte della politica su un tema così importante e fino ad oggi non adeguatamente considerato, che coinvolge la vita affettiva di tante bambine e tanti bambini e delle loro famiglie”. Lo dice la senatrice Donella Mattesini, capogruppo PD in commissione Bicamerale infanzia e Adolescenza, prima firmataria della mozione PD sulla sottrazione internazionale di Minori che è stata il testo base della mozione unitaria approvata all’unanimità dal Senato.

“Questa mozione – spiega ancora Donella Mattesini - tenta di rispondere alle attese di tanti genitori e tanti bambini che in questo momento vivono una vita spezzata. Quei genitori che nel definire il loro rapporto genitoriale, ci hanno detto di avere un figlio morto ma vivo da qualche parte nel mondo. E su questa questione, che effettivamente non riguarda decine di migliaia di persone, ma che è un fenomeno in crescita e che comunque spezza la vita di troppe persone, abbiamo il dovere di impegnarci.”

“In questi mesi – sottolinea Mattesini – abbiamo sviluppato un confronto con i ministeri coinvolti Interni, Giustizia ed Esteri e le associazioni dei genitori che oggi ci ha permesso di giungere a questo risultato importante che va nella giusta direzione di un rafforzamento della relazione con le famiglie. L’aver individuato, infatti, una figura di coordinamento tra il lavoro ministeriale e le famiglie coinvolgendole e informandole costantemente sull’evoluzione della loro storia, è un passaggio significativo. Così come è importante sottolineare la volontà di seguire l’applicazione di questi strumenti e la verifica dell’iter di queste storie attraverso una relazione annuale al Parlamento affidata ad un membro del governo. Governo che si è anche impegnato a mettere nell’agenda dei lavori di ogni incontro internazionale di livello politico con i Paesi interessati anche la questione dei minori illecitamente sottratti”.

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0