Prima Pagina | Politica società diritti | Vivicittà 2016: appuntamento domenica 3 aprile in piazza Sant’Agostino

Vivicittà 2016: appuntamento domenica 3 aprile in piazza Sant’Agostino

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Vivicittà 2016: appuntamento domenica 3 aprile in piazza Sant’Agostino

Anche quest'anno la Uisp di Arezzo promuove a livello locale la manifestazione podistica internazionale Vivicittà, la “Corsa più grande del mondo”, che da sempre si distingue per la forte connotazione etica e sociale. L’appuntamento è per domenica 3 aprile in piazza Sant’Agostino: ritrovo alle 9, partenza alle 10. L'iniziativa è stata presentata dal presidente della Uisp aretina Gino Ciofini, dall'assessore Lucia Tanti, da Leonardo Belperio di Coldiretti e da Alessandro Mazzini di Nuove Acque.

Lucia Tanti: “la capacità di tenere insieme lo sport, il sociale e la valorizzazione della città è l'aspetto che più ci colpisce di questa iniziativa. È una di quelle forti chiavi di lettura che, come amministrazione, quando possiamo, cerchiamo di promuovere, per far conoscere sempre di più Arezzo. Perché il valore del turismo sportivo è fondamentale e il nostro obiettivo è implementarlo”.

Gino Ciofini: “questa è la 33esima edizione, l’iniziativa ha quindi una lunga storia alle spalle. Una manifestazione con la quale abbiamo fatto correre tante idee, legate alla solidarietà, ai diritti delle persone. Il tema dell'accoglienza e dell'integrazione accompagna l'appuntamento di quest'anno, che si coniuga con il valore sociale dello sport. Infatti, lo starter ufficiale Radio Rai lo darà da Lampedusa. Per l'edizione cittadina, oltre al patrocinio del Comune, abbiamo la collaborazione con Nuove Acque e di Coldiretti”.

Leonardo Belperio: “la collaborazione con questa manifestazione è consolidata. In questa occasione Coldiretti porta in piazza i prodotti locali, si tratta quindi di un momento di valorizzazione degli alimenti del territorio”.

Alessandro Mazzini: “siamo orgogliosi di dare questo piccolo contributo. Arezzo e le frazioni sono totalmente alimentate dalla diga di Montedoglio, con l'impianto di trattamento di Poggio Cuculo, quindi è un'acqua di buona qualità, tranquillamente bevibile dai fontanelli pubblici. Nel fontanello di via Leone Leoni aggiungeremo delle cannelle per andare incontro alle esigenze di tutti i podisti”.

 

Programma:

La corsa competitiva di 12 chilometri prenderà il via da piazza Sant'Agostino e proseguirà in un circuito cittadino, che verrà percorso per due volte, mentre la camminata non competitiva di 5 chilometri avrà inizio sempre da piazza Sant'Agostino e percorrerà il medesimo circuito per una sola volta. In via Leone Leoni sarà attivo un servizio di ristoro idrico offerto da Nuove Acque. Al termine della manifestazione saranno distribuiti gadget e premi ai partecipanti e sarà offerto un servizio ristorazione da Coldiretti. Le iscrizioni possono essere effettuate direttamente presso la sede della Uisp di Arezzo, inviando una e mail a [email protected] o il giorno della manifestazione in piazza Sant’Agostino. Quota iscrizione: 5 euro.

 

La storia:

Vivicittà raggiunge quei Paesi in cui lo sport può avere una funzione determinante nel promuovere l’integrazione e il dialogo. Si corre, contemporaneamente, in Libano con i bambini palestinesi e libanesi insieme, a Kinshasa, a Sarajevo, a Tuzla e in altre 18 città del mondo. Come in 43 città italiane e all’interno di istituti penitenziari. Vivicittà ha anche un profilo ambientale in quanto promuove l'uso di materiale eco-sostenibile, la valutazione dell'impatto ambientale, l'attenzione alla vivibilità delle città, la sensibilizzazione al riciclo ed al corretto uso dell'acqua. E Vivicittà è anche solidarietà. Nel 2013 haraccolto un fondo per la costruzione di 8 palestre in Libano. Nel 2014 e 2015 sono stati organizzati corsi di formazione nelle discipline sportive della ginnastica e del basket in 10 scuole dei campi profughi palestinesi del Libano. Vivicittà 2016 continuerà l'impegno in questo Paese raccogliendo fondi per la Fondazione Kanfani che si occupa di bambini disabili. Il ricavato servirà a ripristinare un'area sportiva e formare nuovi operatori, in particolare nelle discipline del basket, pallavolo, ginnastica, calcio e sport di strada, favorendo in tal modo l'integrazione dei bambini diversamente abili attraverso lo sport.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0