Prima Pagina | Economia e lavoro | Al via il progetto Park Factory: oltre 100 giovani in laboratori formativi

Al via il progetto Park Factory: oltre 100 giovani in laboratori formativi

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Al via il progetto Park Factory: oltre 100 giovani in laboratori formativi

Per tutto il 2016 corsi gratuiti e attività all’aperto destinati ai giovani al parco del Pionta e al centro giovani e adolescenti Arezzo Factory

 

Ai nastri di partenza nel mese di marzo il progetto Park Factory, che porterà una serie di attività destinate ai giovani della città per tutto il 2016. Al centro del progetto il parco del Pionta e il centro giovani e adolescenti Arezzo Factory. Park Factory intende promuovere lo sviluppo della creatività giovanile attraverso laboratori e attività ricreativo culturali che interesseranno differenti ambiti: musica, disegno, teatro e cinema, ed è destinato a tutti i giovani tra i 18 e i 30 anni che abbiano interesse a sviluppare le proprie capacità artistiche.

Si tratta dell’unico progetto della provincia di Arezzo finanziato dalla Regione Toscana attraverso il bando GiovaniSì per l’aggregazione giovanile e l’animazione. Il progetto è stato presentato nel 2015 dalla Cooperativa Sociale Al Plurale, oggi Cooperativa Sociale Margherita+, con il sostegno dell’amministrazione comunale, dell’amministrazione provinciale, della Asl 8 di Arezzo e di un’ampia rete di partenariato. La Cooperativa Sociale Margherita+, nata ad inizio 2016 dalla fusione di tre soggetti - la cooperativa di servizi Margherita e le cooperative sociali di tipo B Elios e Al Plurale - si occuperà di coordinare il progetto e organizzare, assieme ai singoli partner, le iniziative previste.

L'assessore Lucia Tanti: “tre le questioni da sottolineare con questo progetto: la valorizzazione di un parco cittadino importante, percorsi di alternanza formazione-lavoro, il raccordo delle iniziative con il Giro d'Italia. Con 'Park Factory', una serie di associazioni che valorizzano da tempo Arezzo accompagneranno centinaia di giovani in esercizi artistici, dal fumetto al cinema alla musica con particolare riguardo alla classica e alla lirica, che ci auguriamo abbiano anche rivolti formativi e a seguire professionali”.

Sauro Baruzzi, vicepresidente di Margherita+: “Arezzo Factory, che abbiamo in gestione da anni, è una garanzia in questo senso essendo oramai una realtà consolidata”.

Francesco Salis, coordinatore del progetto: “a proposito di musica, i laboratori dedicati a quest'arte saranno distinti per generi: lirica, polifonica e cameristica. Questi avranno l'obiettivo di avvicinare i ragazzi a un genere che considerano di élite”.

I corsi, tutti a titolo gratuito, partiranno già dalla fine di marzo con il laboratorio Comicsbike, destinato alla produzione fumettistica e realizzato assieme all’Associazione Mammaiuto. Il laboratorio consentirà ai partecipanti di conoscere le principali tecniche realizzative del fumetto, dall’ideazione del soggetto alla stesura delle tavole. Tema centrale del laboratorio sarà la bicicletta e, in conclusione del corso, i lavori saranno esposti sabato 14 maggio, giorno del passaggio del Giro d’Italia nella nostra città, presso il Liceo Scientifico Francesco Redi che farà da quartier generale e sala stampa per l’evento ciclistico.

Ad aprile inizierà poi il corso di regia cinematografica in collaborazione con l’Associazione IDeatica, al cui termine sarà realizzato un cortometraggio sul tema della creatività giovanile, che sarà girato nel parco del Pionta.

Altre attività si alterneranno poi attraverso corsi e workshop in: social network, personal brandig, teatro e cittadinanza attiva, che saranno distribuiti nell’arco di tutto l’anno.

Rientrano nel progetto anche una serie di iniziative destinate alla musica, come il contest per band emergenti Suono Dunque Sono, che dal 7 al 28 maggio vedrà alternarsi ad Arezzo Factory i giovani musicisti della città, e il River Music Factory Festival.

Il progetto porterà anche la musica classica al Pionta, includendo una serie di lezioni concerto destinate alla lirica, alla musica da camera e alla polifonia, che saranno realizzate in collaborazione con l’associazione Opera Viwa.

Tutte le iniziative del progetto, tanto di tipo laboratoriale che di carattere ricreativo culturale, che saranno realizzate nell’arco del 2016, hanno come scopo ultimo la riqualificazione del colle del Pionta attraverso il coinvolgimento attivo dei giovani della città.

I corsi saranno realizzati in collaborazione con: Associazione Mammaiuto, Associazione Opera Viwa, Libera Accademia del Teatro, Associazione IDeatica, Centro Creativo Casentino, Oxfam Italia.

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0