Prima Pagina | Politica società diritti | “No alla terza Giostra”

“No alla terza Giostra”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“No alla terza Giostra”

 

Da ex assessore con delega alla Giostra del Saracino e da appassionato della stessa, voterò “no” alla delibera sulla terza Giostra che tanto eccita questa amministrazione. Non è una contraddizione. Proprio perché ho ricoperto la delega specifica nello scorso mandato, credo di avere maturato una certa conoscenza delle dinamiche, delle esigenze e degli equilibri che sottendono la manifestazione.

Dunque, “no” perché non esiste alcun progetto reale legato alla terza Giostra. La delibera che ci viene sottoposta non motiva in alcun modo, con esigenze turistiche ad esempio, il perché della scelta. Secondo: non ci sono i tempi per promuoverla a dovere, specialmente all’estero. Terzo: nessuna condivisione, in primis con i quartieri poi con i commercianti. Quarto: la Giostra è un patrimonio della città e dei cittadini non può essere “sfruttata” a fine politici e di propaganda.

Infine, una domanda che aleggia e che nessuno per ora ha posto: quanto costa al Comune di Arezzo questo evento “passerella”?

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0