Prima Pagina | Politica società diritti | SI E’ CHIUSO IERI IL XV CONGRESSO DI LIBERAPERTA, CON RITA BERNARDINI E RICCARDO MAGI.

SI E’ CHIUSO IERI IL XV CONGRESSO DI LIBERAPERTA, CON RITA BERNARDINI E RICCARDO MAGI.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
SI E’ CHIUSO IERI IL XV CONGRESSO DI LIBERAPERTA, CON RITA BERNARDINI E RICCARDO MAGI.

RIELETTA GIUSI NIBBI ALLA CARICA DI PRESIDENTE DELL’ASSOCIAZIONE. EUROPA, LEGALITA’, LAICITA’ E NONVIOLENZA I TEMI DI CONVOCAZIONE DEL CONGRESSO

 

 

Si è concluso il XV congresso di LiberAperta, “Dalla città attraverso l'Italia, l'Europa e oltre, per le strade della nonviolenza, della legalità e della laicità” un congresso ricco di interventi di particolare densità politica, molti dei quali hanno sottolineato e lamentato la profonda crisi del paese, del continente, la crisi della e delle democrazie "reali".

Una crisi a cui si può rispondere, dalla città, all'Europa, con la difesa del diritto e dei diritti, attraverso il perseguimento dell’idea federalista europea e delle istituzioni democratiche.

Sono intevenuti Rita Bernardini, presidente d'onore di Nessuno Tocchi Caino e già parlamentare radicale, Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani ed i parlamentari eletti nel collegio aretino Marco Baldassarre, deputato Alternativa Libera, Maurizio Bianconi, deputato gruppo Conservatori e Riformisti, Marco Donati, deputato Partito Democratico, Donella Mattesini, senatrice PD, il presidente della Provincia di Arezzo, Roberto Vasai ed altri relatori come Riccardo Valentini membro del direttivo FIAB Amici della Bici, Claudio Gentile, iscritto e dirigente del Partito Liberale Italiano, Antonio Stango, coordinatore del Congresso Mondiale contro la pena di morte e membro del Direttivo di Nessuno Tocchi Caino, Francesco Scatragli, già presidente di LiberAperta e promotore del lavoro sulla Mobilità Nonviolenta in città, Angelo Rossi, vice-presidente del Consiglio Comunale di Arezzo, Claudia Sterzi, tesoriere dell’associazione Parte in Causa.

LiberAperta, associazione politica liberale e libertaria, nata nel 1999 per portare il testimone di una storia di impegno politico radicale e liberale, ritiene il proprio manifesto costitutivo, laico, libertario, liberale e federalista, ispirato dalle lotte di Marco Pannella e Emma Bonino, di attualità stringente per contrastare il ritorno di spinte illiberali, neo-clericali e anti-democratiche.

Si impegnerà a contribuire al lavoro sulla TRANSIZIONE VERSO LO STATO DI DIRITTO e sulla implementazione del DIRITTO alla CONOSCENZA come diritto umano fondamentale, alla difesa degli STRUMENTI DI PARTECIPAZIONE POPOLARE e dei DIRITTI COSTITUZIONALI, alle lotta su GIUSTIZIA e CARCERI, e continuerà il proprio lavoro sulla MOBILITA’ NONVIOLENTA per una città a dimensione umana e rispettosa dei diritti di tutti, sintesi esemplare del metodo di lavoro dell’associazione.

Il Congresso ha votato e rieletto a  Presidente di LiberAperta Giusi Nibbi che ringrazia tutti i partecipanti e i congressisti per la rinnovata fiducia per il secondo anno, dedicando la propria elezione a Marco Pannella.“L’amore per il diritto, per la democrazia, per la libertà” afferma Giusi Nibbi “tradotto in progettualità significa di volta in volta individuare, con fatica e ricerca attenta, il provvedimento che vada nella direzione dell’antiproibizionismo, della responsabilizzazione delle scelte individuali, della legalizzazione dei fenomeni sociali prevalenti che non ledano terzi, attraverso un metodo, altrettanto creativo, quale quello della lotta nonviolenta. Tu Marco Pannella con la tua indomabile vitalità, con il tuo grande amore per l'avventura umana e la tua intelligenza delle cose sei il motore di migliaia di ore di impegno e di gioiosa passione per la libertà, per la conoscenza e per il diritto e l’esempio di come la parola ‘speranza’ si incarni nella vita di tutti i giorni”.

 

Giusi Nibbi

Presidente LiberAperta

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0