Prima Pagina | Politica società diritti | “Sabato, anche ad Arezzo, le Celebrazioni per la Giornata Internazionale della Lingua Madre”

“Sabato, anche ad Arezzo, le Celebrazioni per la Giornata Internazionale della Lingua Madre”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“Sabato, anche ad Arezzo, le Celebrazioni per la Giornata Internazionale della Lingua Madre”

 

 

Inizieranno alle 11.30 di sabato prossimo, 27 Febbraio, le celebrazioni della Giornata Internazionale della Lingua Madre promossa anche quest’anno dall’Associazione Culturale del Bangladesh di Arezzo e dal Centro Unesco di Arezzo in collaborazione con la Provincia di Arezzo, con un incontro al Liceo Scientifico di Arezzo al quale parteciperanno la Prof.ssa Silvia Calamai ( docente di Linguistica all’Università degli Studi di Siena) e la Prof.ssa Luigia Besi (Presidente del Centro Unesco di Arezzo).

Continueranno nel pomeriggio presso la Libreria Feltrinelli alla presenza di uno dei massimi esperti di Lingua Italiana, Prof. Giuseppe Patota ( docente all’ Università di Siena e membro dell’ Accademia della Crusca) e di Marco Maisano, giornalista aretino inviato della trasmissione “Le Iene”.

Le celebrazioni hanno l’obiettivo di  valorizzare la diversità linguistica e culturale nella convinzione che una cultura della pace fiorisca solo quando ognuno possa comunicare liberamente nella propria lingua in tutti gli ambiti della propria vita.

Il valore che questa data ha assunto nel corso degli anni è dimostrato dalla decisione dell’Unesco, nel 1999, di indire proprio il 21 febbraio la Giornata Internazionale della Lingua Madre.

Dal 2007 l’Associazione Culturale del Bangladesh celebra ad Arezzo queste giornate, realizzando eventi culturali cui partecipano persone di vari paesi che esprimono, nella propria diversità e specificità linguistica, il segno più evidente delle proprie origini culturali. 

"Il tema della lingua madre - afferma Tito Anisuzzaman, presidente dell’ Associazione Culturale del Bangladesh – pone importanti interrogativi sull'identità culturale ed il senso di appartenenza, da conciliare con necessità comunicative, che toccano 
profondamente la costruzione dell’ Europa e le sempre più necessarie politiche e azioni per l’integrazione.

La festa della lingua madre, promossa anche dagli aretini di origine bengalese, offre alla città l'occasione di partecipare a questa riflessione e di fare festa".

Le celebrazioni proseguiranno poi alle ore 19 presso il Teatro Virginian ( Via de’ Redi, Arezzo) con una serata di musica, danza e letture dal titolo “ Lingue del mondo e balli tradizionali”, si alterneranno, infatti, sul palco letture in lingua madre da parte delle varie comunità presenti nel territorio e danze tradizionali.

 

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0