Prima Pagina | Cronaca | Contestati i parlamentari PD all’assemblea di Federconsumatori dal tema: "Derubati ma non rassegnati"

Contestati i parlamentari PD all’assemblea di Federconsumatori dal tema: "Derubati ma non rassegnati"

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Contestati i parlamentari PD all’assemblea di Federconsumatori dal tema: "Derubati ma non rassegnati"

Bianconi, Donati, Mattesini, Baldassarri e Villarosa, hanno preso la parola.

 

Il presidente provinciale di Federconsumatori, Pietro Ferrari, ha riassunto con queste parole la situazione dei risparmiatori coinvolti nella vicenda delle quattro banche "salvate" da un decreto del Governo: "I nostri risparmi sono diventati all'improvviso cenere e la beffa sta nel fatto che non sappiano contro chi fare un'azione di responsabilità". Di fronte ad una platea gremita di ex obbligazionisti di Banca Etruria, sotto lo slogan 'Derubati ma non rassegnati'.

Federconsumatori in Toscana, a cui si sono rivolti 1800 ex obbligazionisti (1200 solo nell'Aretino), ha indetto oggi una nuova assemblea ad Arezzo, per ribadire quanto già sostenuto in una lettera indirizzata ieri ai parlamentari toscani: criteri troppo rigidi genereranno iniquità, e 100 milioni non basteranno a risarcire il danno.

All'assemblea, malumore e contestazioni nei confronti degli esponenti politici, in particolare del Pd. Lunedì l'associazione comincerà ad incontrare singolarmente i risparmiatori per informarli e fotografare la loro situazione.

Erano presenti all’assemblea di Federconsumatori, Marco Donati e Donella Mattesini del PD, Chiara Gagnarli, Alessio Villarosa, Dino Alberti e Gianni Girotto del M5s, Maurizio Bianconi, Conservatori e Riformisti, Marco Baldassarre, ex M5s ora Alternativa Libera.

Bianconi è il primo a prendere la parola "La svalutazione dei crediti deteriorati al 17% è una assurdità incomprensibile: bastava stabilire una percentuale attorno al 30%, ragionevolissima, e ci sarebbero stati soldi sufficienti per ripagare interamente i risparmiatori"

Applauditissimo l'intervento di  Villarosa, membro della commissione finanze:  "Daremo battaglia affinché i soldi vi vengano restituiti integralmente. Tra le altre cose, contesto anche la decisione di trasformare in SPA le banche cooperative”. Ci sarebbe da chiedersi attraverso quali fondi intendano dare battaglia, visto che il M5S ha sempre criticato con veemenza l’intervento pubblico nei salvataggi bancari. La sensazione di andare dove tira il vento, per avere sempre le vele gonfie, è palpabile. Ha ricordato giustamente che fino alla sciagurata legge del 93, che consegnò il potere alle fondazioni e immise nei board i boiardi di stato, questi problemi non c’erano mai stati. D’altra parte non c’era manco mai stata una crisi globale del sistema bancario.  

Contestato duramente Marco Donati. Il sostegno al fondo di solidarietà di 100 milioni, è stato trattato da elemosina irricevibile. La scelta di appoggiare la trasformazione in SPA delle grosse cooperative, non è stata forse nemmeno capita. Non era quello il posto né il momento, per affrontare temi di politica bancaria. Alla fine solo urla dalla platea e grida: “Vergogna”


Struggente l’intervento del “socio Barni”, nella foto subito dietro a Maurizio Bianconi. Per anni aveva cercato di farsi ascoltare durante le assemblee dei soci di Banca Etruria. “Socio investitore” si definiva. E per anni era stato preso in giro e oggetto di scherno.

Oggi ha preso la parola e ha detto cose molto forti, forse nemmeno comprese e forse è stato meglio così: “Non mi applaudite oggi. Avete perso il diritto di farlo quando partecipavate alle assemblee di Banca Etruria e mi avete lasciato solo. Quando soci con 10 azioni venivano prelevati con un pulman - a spese della banca - e venivano accompagnati al ristorante - a spese della banca - magari anche insieme alla compagna - sempre a spese della banca – perché votassero come volevano i dirigenti della banca. Costoro hanno gozzovigliato anche coi miei soldi. Quindi oggi fatemi il piacere… non mi applaudite”.  


  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0