Prima Pagina | Arte e cultura | LA DIFFERENZA tra un TI CHIEDO SCUSA ed un VORREI che MAI FOSSE SUCCESSO

LA DIFFERENZA tra un TI CHIEDO SCUSA ed un VORREI che MAI FOSSE SUCCESSO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
LA DIFFERENZA tra un TI CHIEDO SCUSA ed un VORREI che MAI FOSSE SUCCESSO

Mi piace questa politica che ricorre ai metodi comportamentali dei fidanzatini.

Credo che Putin - membro pro-tempore, sezione filologia, dell'Accademia della Crusca - faccia molto bene a distinguere  gli afflati tardivi del presidente Erdogan, che, dopo aver ordinato personalmente l'abbattimento dell'aereo russo per eventuali 17 secondi di sconfinamento, consegnando di fatto i piloti ai ribelli su di un piatto inerme del paracadute, stenta a dire SCUSA ai Russi.

Circumnaviga su frasi che apparentemente dicono la solita cosa - VORREI che MAI FOSSE SUCCESSO - senza pronunciare la frase giusta fatta di una sola parola, SCUSATEMI. Il suo doppio-culismo, se non triplice, deve avere un bidet di chiarezza che serva anche all'allegrotta brigata di decisori della UE se annettere la Turchia nell'alveo sconquassato dell'Europa.  Se fosse annessa, subiremmo una ondata ancor peggiore di quella avuta affrettatamente con la Romania, non più solo sociale, ma anche terroristica. Anche esponenti musulmani nostrali hanno la solita difficoltà. Fanno lunghe frasi, ma non dicono la parola.

Per cui a prescindere dal fatto che Erdogan trovi nel dizionario umano la parola giusta, bene fa Putin ad attuare tutta una serie di ALT alla Turchia, in modo che prenda coscienza di cosa significhi un comportamento pluri-culista. 

Putin è un raffinato giocatore di scacchi politico, cuoce a fuoco lento gli avversari. È quel cow boy che aspetta gli avversari all'O.K. Corral, in una strettoia breve, ma rischiosa, che si chiama anche GAS

Penso che una breve incursione colloquiale che fece Renzi da Berlusconi, quando l'Europa goffa ha fatto il suicida embargo alla Russia, ci abbia parato il sedere, anzi i termosifoni, dalla mancanza di gas. Ucraina sperimenta in questi giorni cosa significa. Penso che un SMS di Berlusconi a Vladimir ci abbia salvato.

L'introverso - la provenienza KGB forse ha inciso - Putin ha sfornato alcune frasi sorprendenti, vere e coraggiose. Ha detto che gli Americani hanno la pappa in testa per non aver imparato dai decenni di guerra alcuna lezione, ed andando via dal G20 ha dato del Bambino ad Obama. Povero Obama, partito così bene con Nobel alla Pace dopo sono 3 mesi di carica - ancora mi domando come possa essere successo questa operazione - finisce nel lasciare un mondo pieno di confusione, dove ora trovare il bandolo della matassa è operazione sconosciuta a menti di vecchia fattura militare e politica.

Si cercano soluzioni con sofisticate ed ulteriormente fallimentari appoggi a questo o quel gruppo per evitare di perdere vite proprie, e tutto sfugge di mano. Stop, Stop, Stop.

Putin è partito dai fondamentali, ed ha detto che il presidente siriano è stato eletto, e che una nuova elezione potrà toglierlo, e che altri Paesi non possono decidere per un altro paese. Non fa una piega, e questo è supportato da una scia di esempi recenti dall'Afghanisthan in poi.  Putin si è messo una pannuccia ed ha iniziato a fare la sfoglia concentrandosi su di un paese, togliendo altri aspiranti master chef dalla cucina.

Su tutto quello che ho detto si possono intessere raffinate analisi e tesi contrarie, e sul perché ogni paese o presidente fa un a cosa o non la fa. Quali sotto-interessi vi sono. Filoni che ci portano troppo lontano dal prendere una decisione

Su Putin si può ben dire che abbia fatto un buon 30% di operazioni interne alla Russia che hanno ammazzato Persone, Opinioni e quindi Democrazia, e che non sia esattamente San Vladimiro. L'esperienza recente ci dovrebbe insegnare che conduce a peggior situazione considerare quelli che consideriamo sanguinari tiranni per quel loro 30% o più per operazioni per noi inconcepibili, ma siamo a rimpiangere Saddam, Gheddafi & C. Inconcepibili per noi Italiani? Mah...fammi pensare un po’...credo che anche noi in modo soffice o sanguinolento le abbiamo viste in tempi recenti.  Quindi la Russia non è così lontana.

Ci occorrerebbe anche una informazione aggiuntiva sull'immagine della Russia moderna che si distacchi da eterni stereotipi, parlando magari con Russi, o leggendo altro.

Occorre riportare tutto ad una elementare, quasi bambina, semplicità del decidere, evitando di fare sagaci, volpini super strateghi di sofisticate soluzioni.

La prima e sola arma efficace e pacifista, non è una banalità, sarebbe un robusto piano di allontanarsi dalla dipendenza dal petrolio, iniziando a pretendere in suolo italico macchine dall'ibrido ed oltre a prezzi acquistabili. Conservo come cimelio memorabilia un adesivo che presi a Los Angeles circa 25 anni fa, prima del Global-Casino. Vi era scritto: Fight Saddam buy a Bike, Combatti Saddam compra una Bici.

Certo parallelamente occorrerebbe il coraggio di convertire il mancato incasso dai tributi sulla benzina, trovando i soldi altrove. Ma mi rendo conto che necessiteremmo di qualcosa di diverso del Tappeto Renzi degli ottanta-eurini-placebo, del gioco delle 3 carte del Job Act, ed incline a contentare tutti eccetto gli Italiani.

Prendiamo in leasing Putin per un anno, solo per sistemare solo 10 cose interne ed esterne, senza che si addentri in altro.

Continuo in questo misto di concetti ed innesto una surreale band finlandese - Leningrad Cowboys - accompagnata dal portento toracico del coro ed orchestra dell’Armata Rossa nell’americana dylaniana Knocking on Heaven’s Door, dedicata, speriamo, all’ISIS. Quasi cento musicisti che ruotano intorno a 5 accordi ripetitivi dando la sontuosità ad un momento speciale della Vita.

PS. Le due vignette basket non provengono dalla Pravda, ma da media USA che addirittura si chiama The Moderate Voice.

Piero Rossi

Aretino Turista ad Arezzo

itAlien Immigrato in Italia

[email protected]

Viaggiare è fatale al pregiudizio, al bigottismo, ed alla ristrettezza mentale, e per questi motivi molta della nostra gente ne ha fortemente bisogno. Vedute ampie, sane, caritatevoli degli uomini e delle cose non possono essere acquisite vegetando tutta la propria vita in un piccolo angolo della terra. Mark TWAIN,1869

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00