Prima Pagina | Lettere alla redazione | Sono lieto che ll Dott. Desideri si sia risentito, ma ancora mancano delle risposte...

Sono lieto che ll Dott. Desideri si sia risentito, ma ancora mancano delle risposte...

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Sono lieto che ll  Dott. Desideri si sia risentito, ma ancora mancano delle risposte...

Sono lieto che ll  Dott. Desideri si sia risentito alle mie dichiarazioni e si sia speso in prima persona per dare garanzie e certezze per l' Ospedale di Bibbiena che ancora adesso non ci sono. 
Mi aspetto, sulle sue dichiarazioni di modernità delle apparecchiature della Radiologia,  che da domani i centri di prenotazione del casentino ricomincino a prendere gl' appuntamenti per le mammografie che da qualche mese vengono dirottate fuori zona e delle ecografie in tempi congrui sull' effettuazione dell' Esame. Per quanto mi riguarda e per i contatti avuti in precedenza con il Dott. Desideri, continua la massima stima e fiducia sulla persona ma in quanto dipendente della Regione Toscana e l' ho già scritto,  deve applicare le linee guida della Regione, che non sono quelle di salvaguardia dei piccoli Ospedali ma della loro certa chiusura. 
Di solito quando ci sono lampi in giro poco dopo arriva il tuono e l' acqua. Così è stato nel passato e spero che  non si verifichi nel futuro. 
I Precedenti in Toscana con la chiusura dell' Ospedale Pacini della montagna Pistoiese, e gl' attacchi agli Ospedali della Valle del Serchio, a quello dell' Isola D' Elba dove si poarla di un Ospedale unico in 3 sedi (Portoferraio, Piombino e Cecina) parlano da soli.  
La linea tracciata negli ultimi mesi con le ultime chiusure della Radioterapia di Grosseto e pazienti che vengono dirottati a fare le Chemioterapie con ambulanza a Siena non fa ben sperare, così come la rzione chiusura della Chirurgia di Torregalli  a favore di convenzioni con cliniche private che si sostituiscono al pubblico, 
Le stesse dichiarazioni di riduzione del volume del 20 % dell' attività Chirurgica per l' Area Aretina  fatte dal Nuovo Direttore FF  vanno in  direzione opposta alle risposte certe per gl' utenti. 
Le nuove strategie  applicate dalla Regione Toscana sono quelle di distillare continue e cadenzate rassicurazioni ma in realtà di togliere ossigeno pezzo per pezzo agli Ospedali, soprattutto ai piccoli portandoli ai minimi termini in modo che i cittadini non trovandovi piuà risposte adeguate pronuncino la frase che la regione aspetta. Se deve funzionare così è meglio che chiuda e la colpa sarà addossata al cittadino. 
In risposta al Dott. Desideri:  so benissimo cosa pensa dei piccoli Ospedali ma non è lui Il Mio interlocutore  su quello che sta accadendo a Bibbiena e su chi vuole chiudere i piccoli Ospedali. 
Il mio e nostro primo interlocutore è la Regione,  responsabile di chiudere i rubinetti uno dopo l' altro nei piccoli ospedali, riducendo personale, Personale Medico, Tecnici,  Infermieri ed attrezzature,  creando il malcontento tra gl' utenti che sempre più spesso si devono rivolgere al privato o lontano dalla loro sede. Questo è un dato di fatto che nessuno ne tantomeno il dott. Desiderei può smentire. e lo sanno bene i 55.000 cittadini che hanno firmato per il Referendum abrogativo della legge e soprattutto gli 11300 che hanno firmato in provincia d' Arezzo.
La Sanità è il primo e più valido motivo per cui il PD ha perso alle elezioni il Comune di Arezzo senza nulla togliere alle qualità del nuovo Sindaco Alessandro Ghinelli, che conosco e saluto cordialmente. 
A Bibbiena  rimangono delle risposte da dare per l' Ostetricia e Ginecologia, considerata dallo stesso Dott Desideri un fiore all' Occhiello fino a qualche mese fà. 
Si attendono risposte sulla Chirurgia, che a causa di mancanza di Anestesisti e rianimatori opera a regime ridotto e non effettua più interventi di Chirurgia d' Urgenza. 
Si attendono  risposte per capire il futuro  dell' U.O. di Anestesia e Rianimazione a fronte della mancanza di Anestesiti, con una Chirurgia ridotta ed un tasso d' occupazione che scende. . 
Intanto ci sono ulteriori manovre per accorpare il personale di Rianimazione con il Personale Di Pronto Soccorso, forse tutto questo può creare allarme nel silenzio stagnante......di  voci di corridoio che corrono e pongono interrogativi seri? I Cittadini del Casentino  aspettano risposte reali e non,  (repetita iuvant)  rassicurazioni non supportate dai fatti; "vedi dichiarazioni Marroni Desideri" all' assemblea di Aprile al Cinema Sole  a Bibbiena. 
Personalmente sarò sempre lieto d' incontrarla come sempre, in stima e amicizia ma vorrei farlo in Assemblea come Comitato, con le Istituzioni dove si possano siglare non Patti Territoriali scolpiti... nel Bronzo, (Cit. Marroni) ma distino certo dell' Ospedale di Bibbiena in quanto necessario ed insostituibile garanzia di salute e risposte per i Casentinesi. 


                                                                                                                     

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00