Prima Pagina | Economia e lavoro | Cantarelli: inamissibile per i giudici, la proposta di concordato in continuità

Cantarelli: inamissibile per i giudici, la proposta di concordato in continuità

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Cantarelli: inamissibile per i giudici, la proposta di concordato in continuità

Dichiarazione del Sindaco di Cortona Francesca Basanieri e di Castiglioni Mario Agnelli, in merito alla decisione dei giudici di bocciare la proposta di concordato dell’azienda Cantarelli

 

 

"Nel rispetto della scelta dei giudici, dichiara il Sindaco di Cortona Francesca Bananieri, la decisione dei giudici rappresenta un’ulteriore stop per questa vicenda della Cantarelli, che fa male soprattutto ai lavoratori.

Quando meno di un mese fa siamo andati a visitare lo stabilimento di Terontola abbiamo trovato una realtà dinamica e con alte professionalità.

Per non perdere questo spirito dei lavoratori auspico che si possa fare più veloce possibile per l’organizzazione di un eventuale commissariamento in modo da non perdere opportunità di commesse e sviluppo.

In questo particolare caso, prosegue Francesca Basanieri, considerando il panorama della moda dove opera Cantarelli, il tempo è un fattore essenziale.

Come Sindaco e come Amministrazione Comunale esprimo la mia vicinanza ai lavoratori e rinnovo la mia personale disponibilità anche in futuro per trovare soluzioni che garantiscano lavoro e sviluppo per questa azienda."

Cantarelli: respinto il concordato. L’intervento del sindaco Mario Agnelli.

 

Purtroppo ogni mattina sul tavolo di ogni Sindaco arriva la richiesta di coloro che disperatamente cercano lavoro.

Sul fronte dell'occupazione Castiglion Fiorentino ha già pagato il suo obolo prima subendo la chiusura dello Zuccherificio poi la crisi che ha colpito il settore edile e quello orafo, passando per le piccole realtà che hanno subito i contraccolpi dei grandi gruppi imprenditoriali.

Anche la Cantarelli da parte sua ha "sfamato" e fatto crescere famiglie oltre che intere generazioni di castiglionesi. Ho appreso che il Tribunale di Arezzo ha bocciato la proposta di concordato che prevedeva la nascita di una New Co a Terontola.


Conosco anche personalmente la storia e la realtà di quest’azienda e francamente spero proprio che non sia stata scritta l'ultima parola.
I tempi del mercato e dell'economia impongono decisioni rapide e certe.


Anche alla Cantarelli c'è bisogno di risposte certe nel rispetto di una storia e di tante famiglie che hanno vissuto e vivono sotto questo marchio, che è bene ricordarlo non è solo un vanto della provincia di Arezzo, ma un’eccellenza nell'intero panorama italiano.


Respingo fortemente l'idea che a breve insieme agli altri Sindaci del territorio ci possiamo trovare di fronte ad altre 170 famiglie in cerca di un posto di lavoro.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0