Prima Pagina | Economia e lavoro | “Pizza in Piazza”a km zero

“Pizza in Piazza”a km zero

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
“Pizza in Piazza”a km zero

Domani debutto mondiale per la pizza Terre d’Arezzo a base di tartufo, pancetta e pecorino forniti dai produttori di Campagna Amica Coldiretti. Marcelli: in campo insieme a Confcommercio per la piena valorizzazione del Made in Italy. Rossi: i prodotti tipici risorsa economica ma anche fondamentale espressione di identità

 
 
“Coldiretti Arezzo è impegnata nel promuovere e garantire la qualità e la distintività degli eccellenti prodotti del nostro territorio. E’ quindi naturale che partecipi all’iniziativa Confcommercio finalizzata a fare della pizza un alimento di punta del menù di aretini e turisti preparata con prodotti freschi, genuini e provenienti dalla nostra agricoltura”.
Lo spiega Tulio Marcelli, presidente di Coldiretti Toscana e Arezzo, in vista della due giorni di sabato 26 e domenica 27 settembre in piazza Sant’Agostino: Pizza in Piazza, evento nel quale verrà presentata anche una novità assoluta, la pizza “Terre d’Arezzo” a base di tartufo, pancetta, pecorino e altri prodotti a chilometro zero forniti dai produttori di Campagna Amica Coldiretti.
“La pizza  - spiega ancora Marcelli – è uno dei simboli del paniere agroalimentare italiano, e la nostra partecipazione a questa manifestazione punta anche alla valorizzazione dell’identità nazionale, in una situazione in cui anche  da noi quasi due pizze su tre (63%) sono ottenute da un mix di farina, pomodoro, mozzarelle e olio provenienti da migliaia di chilometri di distanza, senza alcuna indicazione per i consumatori: materie prime non Made in Italy che hanno purtroppo compromesso notevolmente l’originalità tricolore del prodotto servito e che rischiano di compromettere anche le formidabili opportunità occupazionali che possono venire nell’agroalimentare nazionale e locale. Per questo Coldiretti Arezzo ha anche partecipato con impegno alla raccolta firme in corso su tutto il territorio nazionale allo scopo, di far proclamare dall’Unesco la pizza – più precisamente, l’arte dei pizzaioli napoletani – un Patrimonio immateriale dell’Umanità, degno di essere custodito, preservato, tramandato alle future generazioni”. 
Sabato e domenica Coldiretti Arezzo porterà, quindi, in piazza le eccellenze agroalimentari del nostro territorio: “Con la nostra partecipazione a questa bella e importante iniziativa di Confcommercio - spiega il direttore di Coldiretti Arezzo, Mario Rossi - continua, infatti, l’impegno Coldiretti volto a tutelare la qualità dei prodotti, favorendo tutte le iniziative che garantiscono il consumatore e facilitano la sua libertà di scelta alimentare, come la trasparenza delle etichettature, la garanzia sull’origine dei cibi, e la vigilanza sulla pubblicità dei prodotti agroalimentari”.
In una pizza ci sono elementi importanti della nostra agricoltura: cerealicoltura,  pomodoro, olio extravergine d’oliva, mozzarella, “che costituiscono – insiste Rossi -  ingredienti fondamentali che uniscono agricoltori dal nord al sud Italia, per un piatto che è l’emblema del cibo italiano nel mondo. Con i nostri produttori, quindi,  continuiamo a promuovere i prodotti tipici e l’alimentazione made in Italy, come risorsa economica, ma anche come fondamentale espressione di identità”.
Grazie ai prodotti fa km zero forniti dalle aziende di Campagna Amica Coldiretti, chi sarà in piazza S. Agostino sabato o domenica, potrà assaporare gli ingredienti tipici del territorio, riscoprendo antiche tradizioni culinarie nel rispetto dell’ambiente e della tipicità. Tra i prodotti freschi e del territorio forniti da Coldiretti da ricordare la salsiccia fresca, la pancetta stesa stagionata, i pomodorini ciliegini, basilico, pecorino semi-stagionato, aglio e pancetta stesa stagionata. Il pecorino semi-stagionato, uno dei prodotti di eccellenza del Casentino.  La caciotta di piccola pezzatura è prodotta con latte di pecora, richiama nell'aspetto e nei sapori il formaggio prodotto secondo l'antica tradizione locale. La ricetta è ricavata da consigli ottenuti da pastori locali, ed è frutto anche di scrupolosi accorgimenti tecnologici che hanno permesso di creare un ottimo prodotto dai vecchi sapori. E' un prodotto di nicchia che si rivolge ai consumatori attenti che prediligono i prodotti naturali e genuini.
  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0