Prima Pagina | Politica società diritti | La Columbia University di New York apre l'anno accademico con il concerto di Silvia Martinelli e Andrea Trovato

La Columbia University di New York apre l'anno accademico con il concerto di Silvia Martinelli e Andrea Trovato

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
La Columbia University di New York apre l'anno accademico con il concerto di Silvia Martinelli e Andrea Trovato

L’assessore Lucia Tanti: "un onore che le istituzioni formative e i giovani statunitensi si ispirino ad artisti aretini"

 

“È un onore per tutta la città di Arezzo apprendere che il Barnard College di New York, membro della Columbia University, abbia scelto per il concerto inaugurale dell'anno accademico due artisti aretini: Silvia Martinelli e Andrea Trovato. La Martinelli, soprano aretino, vanta un’ampia e variegata attività artistica in Italia e all’estero (Belgio, Francia, Germania, Spagna, Siria, Grecia, Malta, Usa e Canada). Tra i tanti ruoli, solo da ultimo, si ricorda quello di Musetta ne La Bohème, che l’ha portata in una lunga tournée nei più importanti teatri di Bulgaria, Olanda, Belgio e Lussemburgo, e si è conclusa nel prestigioso Teatro Carré di Amsterdam – dichiara l’assessore Lucia Tanti. Andrea Trovato, pianista e organista, artista della prestigiosa scuderia Steinway Artists, è attualmente docente di Pianoforte Principale presso il Conservatorio di Rovigo. Ha collaborato anche con importanti enti quali il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e il Teatro Lirico ‘G. Verdi’ di Trieste. Entrambi, da dieci anni, sono il cuore pulsante del festival ‘Terre d'Arezzo’ che rappresenta un’eccellenza e una forte attrattiva per molti artisti di livello nazionale ed internazionale e che vanta un fortissimo gradimento a livello di pubblico. Due curricula che parlano da soli e dimostrano come questa città abbia potenzialità grandissime, oltre a essere ambasciatori dell'aretinità per molti giovani studenti di tutto il mondo, che grazie a questi artisti potranno meglio conoscere Arezzo e l'Italia, anche in vista di scambi formativi tra la nostra città e gli Stati Uniti" conclude l’assessore Tanti

.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0