Prima Pagina | Politica società diritti | Insieme Possiamo sulle scuole per l'infanzia...

Insieme Possiamo sulle scuole per l'infanzia...

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Insieme Possiamo sulle scuole per l'infanzia...

 

 

Papa Leone X, nel 1517, nominò trenta nuovi cardinali: 30 era il numero massimo di cardinali che potevano essere ammessi al conclave ma, accortosi  che  era  rimasto escluso un  prelato  che  avrebbe  meritato, nominò  pure lui. A  coloro  che si meravigliarono di questo fatto, egli replicò con pacatezza "Chi ha fatto trenta può far trentuno...".

Ecco, così si può riassumere il comportamento della maggioranza che governa Palazzo Cavallo sulla questione dell'esternalizzazione delle ulteriori 5 sezioni delle scuole comunali ai privati...Il loro coraggio si è fermato proprio sul più bello! Ovviamente apprezziamo che la Giunta Ghinelli abbia affidato solo temporaneamente (per l'anno scolastico 2015-2016) le 5 sezioni di cui trattasi e abbia preso l'impegno formale di tornare indietro - "ripubblicizzandole" nel prossimo futuro tramite assunzioni a tempo indeterminato di docenti e educatori - ma sta di fatto che, da oggi, 12 scuole comunali sono private e solo 7 sono pubbliche...

Noi abbiamo suggerito loro, fino all'ultimo secondo utile, come poter procedere per evitare le nuove privatizzazioni, ma non hanno voluto ascoltarci:

1. Assunzioni a tempo determinato dalla graduatoria valida e disponibile di docenti/educatori, onde tamponare l'emergenza e consentire il normale avvio dell'anno scolastico a settembre;

2. Non appena gli enti di area vasta (le ex Province) avessero comunicato ufficialmente che, tra il loro personale soprannumerario di cui alla Legge Delrio, non esistono figure professionali utili per ricoprire i posti di docente/educatore (cosa, tra l'altro, facilmente e rapidamente riscontrabile, poiché nessuna provincia ha in dotazione organica tali profili) assunzioni a tempo indeterminato dalla medesima graduatoria, precedute da un paio di delibere di Giunta Comunale (una per modificare il precedente piano assunzioni 2015, prevedendo appunto l'immissione in ruolo  di docenti/educatori, l'altra per le variazioni di bilancio). Tutto questo validato dalla Circolare della FP n. 1/2015 e dalle indicazioni espresse dalla Corte dei Conti - Sezione  Autonomie  -  con deliberazione n. 19/2015, del tutto indipendentemente, quindi, dal recentissimo DL enti locali...

Prendiamo atto - quindi e per adesso - della sola "volontà politica" di voler invertire la tendenza alle esternalizzazioni, manifestata da questa Giunta, già meglio di quella precedente targata PD, che avrebbe proceduto senza colpo ferire e senza neanche una discussione all'affidamento definitivo del servizio educativo comunale – in toto – ai privati... Prova ne è l'atteggiamento - diagnosticabile come "stato confusionale con annessa sindrome da personalità multipla" – tenuto in Consiglio da  parte  del  PD, semmai adatto al recente anniversario dei 40 anni dal celebre film "Amici  miei": potevano riassumere,  infatti, i loro interventi con "Tarapìa tapioco,  la supercazzola prematurata con scappellamento a destra come se fosse antani...", tanto nessuno ci avrebbe capito niente lo stesso...

Arezzo, 11.8.2015

 

Insieme Possiamo-Lavoro Diritti Beni Comuni

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00