Prima Pagina | Lettere alla redazione | PRETENDIAMO RISPOSTE DALLA REGIONE , IN NOME DELLA DEMOCRAZIA E PER RISPETTO AI CITTADINI

PRETENDIAMO RISPOSTE DALLA REGIONE , IN NOME DELLA DEMOCRAZIA E PER RISPETTO AI CITTADINI

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
PRETENDIAMO RISPOSTE DALLA REGIONE , IN NOME DELLA DEMOCRAZIA E PER RISPETTO AI CITTADINI

"Pretendiamo chiare e nette risposte" Chiediamo alla Regione Toscana e al PD in particolare, partito di maggioranza in consiglio regionale, di prendere posizioni sul tema fusioni . "Parte a raffica il consigliere comunale di Ortignano Corazzesi nella seduta aperta del 30 luglio scorso. In un documento depositato al consiglio, dichiara che è impensabile che la politica casentinese deve sottostare all'individualismo di qualcuno o alle ripicche personali.

Dico questo, vedendo come di fronte ad una tematica aperta al confronto con tutti i cittadini casentinesi, alcuni sindaci programmano il consiglio comunale nel medesimo giorno e alla medesima ora. Questo clima non aiuta i cittadini, anzi li penalizza e svaluta ancor più il nostro territorio, rendendolo ancora più frazionato.

Nel mese di giugno si sono conclusi i lavori della commissione della governance per un nuovo assetto istituzionale casentinese con un chiaro obbiettivo: la costituzione di 4 comuni per avere enti più efficaci e competitivi. Non solo, in campagna elettorale, la posizione del maggior partito casentinese, era chiara e nettamente favorevole alle macro fusioni. Ed oggi il silenzio assoluto. Perchè? In conseguenza anche alle posizioni politiche prese dai rappresentanti regionali in campagna elettorale il 19 giugno, i consigli comunali di Ortignano e Bibbiena hanno deliberato la proposta di fusione fra i due comuni e comuni limitrofi che volevano aderire al progetto. In molte occasioni mi sono, come consigliere di minoranza, confrontata con il sindaco Versari su tante tematiche: a volte con toni pacati a volte con toni più alti con rispetto reciproco. Ritengo doveroso dire che il sindaco e tutto il consiglio, hanno dimostrato il vero significato della parola democrazia popolare, senza steccati, senza pregiudizi da parte di alcuno, cercando di portare a casa un progetto buono per i cittadini, segno di maturità e di riflessione politica. Ai consigli comunali di Ortignano e Bibbiena, si sono allineati ben 972 cittadini del vicino comune di Chiusi ,che tramite un comitato spontaneo, hanno chiesto di aderire al progetto . Democrazia ? No grazie è stata la chiara risposta del sindaco Tellini e dei consiglieri di maggioranza. Ricordiamo e rimarchiamo che il sindaco di Chiusi ha vinto per soli due voti, ma è stato il primo a ritirare le funzioni all'Unione: ci sono molti più cittadini che hanno firmato, rispetto ai voti presi dal sindaco alle ultime elezioni.

"Il popolo è sovrano e un amministratore che non ascolta il popolo è la più alta forma di antidemocrazia"

Di fronte al silenzio del loro sindaco, di certo, non si calmerà la passione, il cuore, la volontà di mille persone che chiedono risposte alla Regione Toscana. E queste risposte le vogliamo anche noi come consiglieri di Ortignano Raggiolo. Non possiamo far finta di niente dopo la delibera approvata in consiglio comunale. Non starebbe certo a me dirlo, ma il sindaco di Ortignano ha dimostrato una forte responsabilità amministrativa, dando la possibilità ai cittadini di decidere il proprio futuro. Adesso la palla passa alla Regione e ci auguriamo che prenda una posizione sulla proposta di Ortignano-Bibbiena e 1000 cittadini (su 1400 votanti ) di Chiusi della Verna .

Versari è un sindaco politicamente vicino al PD , come lui ha sempre dichiarato: a volte ha dovuto anche fare scelte ,forse non sempre da lui condivise, per linee dettate dalla politica.

Adesso la politica e il partito non possono fare orecchie da mercante , lavandosi le mani e lasciando un suo sindaco da solo al confronto con i cittadini e facilitando chi invece, a colpi di maggioranza, limita la libertà di pensiero ai propri abitanti .Troppo facile!

Sono pronta come consigliere, ma soprattutto come cittadina casentinese ad appoggiare i sindaci di Ortignano, di Bibbiena e i cittadini di Chiusi, in questo percorso e a manifestare pacificamente di fronte alla Regione per il valore assoluto e imprescindibile che ha la democrazia .

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0