Prima Pagina | Politica società diritti | Famiglie, giovani e turismo: le priorità dei Popolari per Arezzo

Famiglie, giovani e turismo: le priorità dei Popolari per Arezzo

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Famiglie, giovani e turismo: le priorità dei Popolari per Arezzo

L'associazione politico-culturale ha scelto i punti programmatici su cui lavorerà nei prossimi mesi Sono stati individuati tre temi per rendere più forte l'identità popolare e cattolica sul territorio aretino

 

AREZZO – Progetti abitativi per le nuove famiglie, nuove opportunità per i giovani e la rivalorizzazione del centro storico: sono questi i tre punti programmatici su cui i Popolari per Arezzo lavoreranno nei prossimi mesi. L'associazione politico-culturale ha sottolineato l'esigenza di rendere ancor più forte la propria identità popolare e cattolica sul territorio aretino, e con questo obiettivo ha avviato un'attenta analisi delle principali emergenze della città su cui intervenire. Il primo passaggio è stata l'individuazione dei problemi vissuti dal territorio e dalle famiglie, per approfondire così i temi su cui intervenire e per avviare un percorso che porti a proposte concrete da presentare alle istituzioni, civili e religiose. «I Popolari per Arezzo - ribadisce il presidente Andrea Gallorini, - sono nati con l'obiettivo di tener viva in città un'area politica culturale e valoriale ispirata alla dottrina sociale della chiesa. I 1.441 voti raccolti alle ultime elezioni radicano questo orientamento in città e rappresentano un mandato a continuare un'azione politica volta ad intercettare i bisogni del territorio e di chi lo abita». Un'attenzione particolare sarà rivolta al sociale con l'obiettivo di arginare l'aumento del numero degli sfratti e le crescenti difficoltà vissute dalle nuove famiglie nell'acquisto di una casa: esiste un'emergenza abitativa che i Popolari per Arezzo vogliono affrontare con urgenza per strutturare alcune possibili soluzioni. Tra queste vi rientrano l'acquisto da parte del Comune di abitazioni sfitte o invendute da destinare ad uso popolare, il recupero di immobili in disuso e in degrado, e la promozione di contratti di affitto con patto di futura vendita. Il secondo punto programmatico fa riferimento all'esigenza di garantire prospettive lavorative ai giovani, predisponendo le condizioni perché possano rimanere ad Arezzo e possano costruirsi il proprio futuro sul territorio. Anche in questo caso, le strade da percorrere sono numerose e comprendono l'ideazione di nuovi corsi di formazione e specializzazione, la difesa e l'implementazione dei corsi di laurea cittadini, il collegamento tra la scuola e il mondo del lavoro. Nuove risorse economiche, infine, devono arrivare dal potenziamento del turismo attraverso la rivalorizzazione della parte alta del cento storico e la pianificazione di vere e proprie politiche di marketing volte a promuovere nel mondo il potenziale artistico, culturale, naturalistico e sportivo della città. «Con famiglie, giovani e turismo - aggiunge Massimo Soletti dei Popolari per Arezzo, - abbiamo individuato tre priorità d'intervento fortemente popolari su cui consolideremo la nostra identità: ci confronteremo con i cittadini per trovare soluzioni rapide e concrete da presentare alle istituzioni».

 

                                                                                          

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0