Prima Pagina | Politica società diritti | La Scuola Pubblica è un Bene Comune, in Italia come ad Arezzo...

La Scuola Pubblica è un Bene Comune, in Italia come ad Arezzo...

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
La Scuola Pubblica è un Bene Comune, in Italia come ad Arezzo...

 

I prossimi giorni saranno decisivi per definire il futuro dei servizi all’infanzia del Comune di Arezzo: il tema della scuola Bene Comune è ormai diventato il principale oggetto di discussione nel panorama politico cittadino. A breve sapremo se la giunta Ghinelli opererà la scelta di assumere insegnanti in sostituzione degli imminenti pensionamenti o se proseguirà con le esternalizzazioni programmate dalla precedente amministrazione targata PD.

Le assunzioni potevano già essere fatte, ma durante gli assessorati De Robertis e Bennati vi è stata un’inversione di rotta e una precisa volontà politica di “alleggerire” il servizio pubblico, appaltandolo alla cooperazione sociale. Al contrario di quanto affermano oggi esponenti del PD, forse ancora frastornati dalla batosta elettorale e quindi poco lucidi, anche la Circolare della Funzione Pubblica n. 1 del 29.1.2015 prevede che i profili professionali di docente di scuola d'infanzia e di educatore di asili nido (considerati anche i particolari titoli di studio che queste figure devono possedere) sono da individuare tra le cosiddette “categorie infungibili”, per le quali si può derogare ai limiti assunzionali di cui all'art. 1 c. 424 della Legge di Stabilità 2015 (L. n. 190/2014): il tutto confermato dalle indicazioni espresse dalla Corte dei Conti Sez. Autonomie con la delibera n. 19/2015, segnatamente nella parte riferita alla sussistenza delle condizioni appunto di “infungibilità”.

Ciò significa che lo sbandierato emendamento a firma Puglisi (PD) al DL Enti Locali n. 78/2015 -attualmente in sede di conversione in Parlamento e che aprirebbe alle assunzioni in oggetto ­sfonda una porta già nei fatti aperta... “Insieme Possiamo” sostiene, da sempre, la necessità di mantenere un nucleo di scuole numericamente significativo a gestione diretta, all’interno del sistema integrato, per gestire più efficacemente il progetto educativo, la formazione del personale e il controllo delle scuole gestite dalla cooperazione e quelle convenzionate. I servizi scolastici sono infatti incomprimibili: ad ogni sezione deve necessariamente corrispondere un certo numero di insegnanti...

Adesso, a seguito della manifestata volontà politica della nuova giunta, se i propositi si trasformeranno in atti amministrativi, sarà possibile assumere personale dalla graduatoria dell’ ultimo concorso, ancora valida ed efficace, in modo da garantire il turn over del servizio.

A partire dal mese di settembre sarà, però, necessario elaborare un progetto pluriennale che garantisca stabilità al sistema educativo integrato (con il contributo e la partecipazione attiva di genitori, insegnanti, sindacati) e investimenti nella formazione e nella valorizzazione del personale. La scuola pubblica è un Bene Comune che ha una storia e un valore educativo incalcolabile. La scuola dell’infanzia “Acropoli” della quale -insieme all’infanzia “Pallanca” e il nido “Cucciolo” -si paventa la totale privatizzazione, è stata la prima scuola comunale, istituita nel 1967, un anno prima che la legge nazionale istituisse le scuole materne pubbliche...Nel 2017 saranno trascorsi 50 anni dall’inizio della splendida esperienza dei servizi all’infanzia del Comune di Arezzo. Facciamo che rimangano come guida per una delle eccellenze del nostro territorio.

Insieme Possiamo – Lavoro Diritti Beni Comuni

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

5.00